Alle Olimpiadi di matematica, anche i piccini del ‘Radice’

Bari. 23 scolari di prima e seconda elementare di Taviano hanno partecipato alle gare del Gioia Mathesis

BARI – Un fiume di giovane cervelli – alcuni davvero giovanissimi – ha inondato le aule del Politecnico dell’Università di Bari, sabato scorso. Diverse centinaia di ragazzi dai cinque ai 19 anni provenienti da tutta Italia, da quegli imponenti banchi d’Ateneo, hanno preso parte alle gare della XXII edizione delle Olimpiadi Gioia Mathesis (Ente accreditato dal Miur per la valorizzazione delle eccellenze). Tra questi anche una delegazione di “pulcini”, vincitrice delle selezioni per le finali da Taviano, composta da 23 tra bambini di prime e seconde elementari dell’istituto Lombardo Radice (diretto da Giuseppe Cassini).

Olimpiadi matematica il gruppo

Ecco il gruppo al completo E così, i piccoli scolari tavianesi, tra emozione e gioco, hanno sfidato le loro capacità logico-matematiche e linguistiche alle prese con test tutt’altro che semplici, ai quali si sono preparati durante gli allenamenti pomeridiani seguiti dalle insegnanti referenti del progetto (le maestre Dorina Minerva e Caterina Pezzuto). Gioia Mathesis è una sezione della Società italiana Mathesis, fondata nel 1895, che persegue l’obiettivo di valorizzare l’insegnamento della matematica e, più in generale, l’insegnamento scientifico. Promuove conferenze scientifiche, seminari e ricerche didattiche, nonché tutte le altre attività che possono contribuire all’incremento, alla formazione, all’aggiornamento culturale e didattico dell’intero personale della scuola; cura i rapporti con enti, società ed associazioni di insegnanti operanti sul piano nazionale ed internazionale; organizza congressi e convegni scientifici e didattici; cura la pubblicazione di una rivista e di altre eventuali opere scientifiche e didattiche (atti di convegni, quaderni di ricerca, ecc.); istituisce e concede premi diretti al progresso dell’insegnamento della matematica e di altre discipline scientifiche; promuove e sostiene iniziative di sperimentazione didattica. Lo scorso anno gli allievi della scuola tavianese Lombardo Radice si sono distinti in maniera particolare: due le medaglie d’oro e una quella di bronzo conseguite. Per i risultati della finale 2012 si dovrà invece attendere ancora qualche settimana. Comunque vada, è stata un’esperienza che i bambini (ed i loro genitori e insegnanti) difficilmente dimenticheranno. Il viaggio di ritorno in pullman si è connotato per poesie dedicate alle mamme, canzoncine dello zecchino d’oro, gioco del telefono, risa e pisolini, quelli sì, tutti rigorosamente eccellenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment