Otranto, la Bandiera blu è di casa

Otranto. Riconfermato al Comune salentino il riconoscimento del Fee. Cariddi: ‘Turismo 365 giorni all’anno’

OTRANTO – Più che un riconoscimento, è una conferma: anche quest’anno, alla città di Otranto viene assegnata la Bandiera Blu dall’organizzazione non-governativa e no-profit FEE, “Foundation for Environmental Education”. Le altre “Bandiere blu” sono andate a Melendugno, Salve e Castro. La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale istituito nel 1987, anno europeo dell’Ambiente, e che viene assegnato ogni anno in 41 Paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei. L’obiettivo principale del programma è promuovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio, attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche l’attenzione e la cura per l’ambiente. Ai fini della valutazione, la qualità delle acque di balneazione è considerata un criterio imperativo; solo le località le cui acque sono risultate eccellenti, possono presentare la propria candidatura. Tra gli altri criteri presi in esame si trovano anche: la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza ed i servizi in spiaggia. Questa mattina, alle ore 11.00, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma, si è svolta la conferenza di presentazione delle Bandiere Blu 2012. Presente il sindaco Luciano Cariddi: “Sono soddisfatto di questa riconferma che testimonia il grande impegno che la città di Otranto sta dimostrando nel percorso di politiche virtuose intrapreso che pongono al centro della crescita del territorio le valenze ambientali e culturali. La Bandiera Blu è sinonimo di qualità dell’ambiente e dei servizi ai turisti e questo ci gratifica in quanto è l’attestazione che l’appeal esercitato dal nostro territorio è elevato. Ci auguriamo che anche questi risultati possano aiutare la Città a migliorare ulteriormente, riuscendo così a consolidare l’immagine di città turistica ed accogliente tutto l’anno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment