Lecce capitale della medicina sportiva

Lecce. Oggi e domani nel capoluogo salentino si terrà il 56esimo Congresso nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica

LECCE – Si svolgerà per la prima volta a Lecce, oggi e domani, il 56esimo Congresso nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica che riunirà specialisti, riabilitatori e chinesiologi da ogni città d'Italia. Presidente del Congresso è Antonio Aloisi, direttore dell’unità operativa di Ortopedia e traumatologia dell’ospedale di Galatina. In oltre mezzo secolo d’impegno culturale e scientifico la SIGM ha svolto ogni anno il suo Congresso Nazionale come momento di aggregazione e di confronto scientifico attorno ai temi delle attività motorie e sportive. Anche quest’anno il Congresso affronta problematiche moderne ed attuali in tema di ripresa post-traumi da sport, coniugando in un serrato confronto interdisciplinare il momento riabilitativo e di riatletizzazione. La SIGM è stata la prima società scientifica fondata negli anni 50 e che sin da allora ha come core-scientific il movimento in tutte le sue accezioni, applicato a tutte le età, nell'area del benessere, della patologia, della rieducazione e della ripresa funzionale post-trauma, sia dal punto di vista della ricerca di base che della ricerca clinica e degli approfondimenti assistenziali. I temi del congresso sottolineano questo concetto: riabilitazione e riatletizzazione post-trauma negli sport da contatto e rachide e sport in età evolutiva. Una novità a latere del main congress è il coinvolgimento delle dirigenze scolastiche di Lecce e Brindisi per un corso di formazione aggregato intorno al tema della disabilità ed attività motorie, dedicato a tutti i docenti delle scuole di ogni ordine e grado del Salento. L’organizzazione dell’evento nazionale è stata affidata alla società salentina Motus Animi (www.motusanimi.com).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment