'No alla precarietà'. Manifestazioni nei luoghi simbolo

Lecce. Anche il Salento aderisce alla protesta nazionale. Ecco il programma delle iniziative previste nel capoluogo e nell’hinterland

LECCE – Presidi, cortei e azioni in luoghi simbolo in occasione della giornata nazionale contro la precarietà che ricorre oggi. Investimenti per combattere la disoccupazione (quella giovanile è al 36%), la cancellazione dei contratti truffa, l’estensione degli ammortizzatori sociali: sono solo alcune delle rivendicazioni che i sindacati porteranno in piazza. Anche il Salento aderisce alla protesta che oggi attraversa l’Italia. Una protesta della quale sono protagonisti i giovani e i precari, in attesa di una riforma del lavoro rivolta alle nuove generazioni. Ciò che chiedono la riduzione della precarietà e l'estensione degli ammortizzatori sociali. “Basta con le promesse e le bugie”, afferma la Cgil che accusa il governo di aver strumentalizzato i giovani per ridurre ulteriormente i diritti di tutti: innalzando l'età pensionabile, riducendo gli ammortizzatori sociali, non cancellando neanche una delle 46 tipologie contrattuali, non avendo migliorato l'accesso al lavoro, tentando di facilitare i licenziamenti con la cancellazione dell'articolo 18. In provincia di Lecce sono in corso da alcuni giorni volantinaggi e assemblee sul tema. Diverse le iniziative previste per oggi, in più punti della città e dell’hinterland. Eccole: ore 9.30: volantinaggi presso l’Ipercoop di Surbo, il Conad Leclerc di Cavallino e l’Inps di Lecce; ore 10.30: volantinaggio presso la Provincia di Lecce (sede centrale); ore 12.00: consegna di un documento al prefetta di Lecce Giuliana Perrotta da parte di delegazione Cgil; ore 16.30: assemblea all’Università del Salento a Lecce (Palazzo Codacci Pisanelli, viale dell’Università) nell’Aula De Maria. Intervengono: Antonella Morga, segretaria Cgil Puglia e Salvatore Arnesano, segretario generale Cgil Lecce; ore 19.30: aperitivo presso lo Spazio Sociale del Lavoro (sede Arci Zei in corte dei Chiaromonte) a Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!