‘Indemoniata’. In attesa dell’esorcista, nessuno pensa a giustizia e sanità

Lecce. Secondo il parroco che l’ha in cura, la studentessa è certamente posseduta dal demonio

Di Giacomo Grippa LECCE – Ha dell'incredibile la vicenda di una studentessa che manifesta crisi da “indemoniata”. Striscia a terra, bava dalla bocca, ansima, muta la voce, resta irrigidita. Nell'appartamento della giovane irrompe la Volante della Polizia, chiamata da una donna che aveva notato già la giovane in strada, dopo l'intervento del parroco che l'ha in cura, don Antonio Podo, e del suo collaboratore. Condotta in ospedale, il tutto si è normalizzato e dopo, in Questura, altro non si è aspettato che l'intervento di un esorcista. Sul giornale locale “Il Quotidiano” del 28 aprile è apparsa l'intervista al parroco che cura da alcuni mesi la giovane ormai, per lui, posseduta dal demonio che devasta la vita delle persone. Nel descrivere le manifestazioni dell'indemoniata che, nonostante la benedizione, striscia e sibila come un serpente, bela come una capra o resta irrigidita per ore, al cospetto dei fedeli, don Podo aspetta che il vescovo incarichi uno dei tre preti esorcisti del posto, dato l'aggravarsi della patologia, come ultima, necessaria soluzione. Come aiutare la giovane ad uscire veramente fuori dall'impero del Male? Organi giudiziari e sanitari non dovrebbero attivarsi sull'accaduto?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!