Ossessione

Il solito mal di testa ed una notte senza dormire. Avvinghiati e basta. Ma lui non dava segni di cedimento. E lei sorrideva beata

Non poteva farci a: era attratto da lei in una forma patologica che rasentava la follia, come quella volta, da ragazzi. Non si vedevano da due mesi e lui era impaziente di tenerla stretta. Lei, di rientro da uno stage, andò a trovarlo e lui, a vederla, non seppe controllarsi, esplose di felicità. Certo, forse esagerò nell’entusiasmo, difatti come risposta gli venne un attacco di tachicardia e per calmarsi dovette bere un po' di vino rosso, corposo, che comunque non diede il risultato sperato. Parlarono un po' e si abbracciarono tanto, continuamente. Ogni tanto a lui si bagnavano gli occhi e lei lo prendeva in giro, mentre gli accarezzava il viso. Aveva occhi solo per lei, non poteva farci a. Poi andarono a letto, lei non aveva voglia di fare l'amore, era stanca. Per lui non era un problema: le bastava averla vicina, anche se non immaginava ancora quanto. Nel letto lui dovette fare i conti con il suo entusiasmo e con la voglia che aveva, di tenerla stretta, con la necessità che sentiva di viverla. La abbracciò con passione e lei dovette divincolarsi per poter respirare. Cambiò posizione e allentò la presa, anche se di poco. Poi la baciò, carezzandole il viso e sfiorandole il collo con un soffio leggero, mentre la lingua leccava l'orecchio e si inseriva fra le pieghe. Lei ebbe un sussulto e respirò ansimante, ma gli ricordò che non voleva farlo. Lui sorrise e le stampò un bacio sulle labbra sottili. Le quattro e mezzo e lui non dava cenni di cedimento, non aveva sonno. Lei respirava piano come fosse in attesa. In attesa di cosa, di dormire, di vivere? Le cinque. Lui le sussurrava in un orecchio tutto l'amore per lei e lei rispondeva a bassa voce, aveva sonno, iniziava a cedere. Le mani di lui cercavano il corpo di donna e madre che aveva vicino, le mani di lei protese in un abbraccio. La posizione era perfetta: lei poggiava la testa sul petto glabro di lui, il quale aveva messo una mano sotto la sua testa, riuscendo ad abbracciarla. I corpi avvinghiati. Lui era felice di tutto e non riusciva a contenersi: la svegliò per chiedere se quella posizione avesse già un nome. Lei, di malumore ma contenta, gli rispose che potevano denominarla a ciambella. Lui trovò pace. Forse in quel momento cadde esausto, vinto dalla stanchezza. Probabilmente dormì solo cinque minuti, il tempo di essere svegliato dai lamenti di lei che non gradiva l'intrusione della sua mano fra la piega delle sue gambe, nello slip. Si svegliò sorridendo: era riuscito a chiudere gli occhi per un lasso minimo. Prima di addormentarsi l'euforia aveva lasciato lo spazio al terrore di aver perso il sonno per sempre, a causa di lei. Rifletteva sul fatto che non chiudeva occhio da più di ventiquattro ore e, nonostante tutto, l’entusiasmo lo stava mantenendo sveglio. Mica era da una vita che non si vedevano: solo una settimana prima erano stati di nuovo insieme. Senza farlo, neanche quella volta. Le sei e undici minuti e lei era ancora al suo fianco, dormiente beata: un sorriso di bimbo ne era la prova. Le sei e venti e lui non stava nella pelle: lui e lei abbracciati. Le sei e venticinque: lui prese il cellulare e iniziò a mettere nero su bianco questa storia meravigliosa d’amore. I primi rumori del giorno, le prime auto rombanti, lo costrinsero ad alzarsi. Si accucciò al bordo del letto e vi rimase per dieci minuti solo per vederla dormire, poi si avviò in cucina a preparare il caffè. Accese il pc per leggere le notizie del giorno e chrome si riavviò chiedendo di ripristinare le pagine chiuse in modo errato. Riavvio. La prima schermata, una pagina di posta di facebook, l’assoluto stupore di lui: il “mal di testa” per non fare l’amore, era il classico “mal di testa”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!