Schiaffo al Lecce sulla contemporaneità col Genoa

Lecce. Per la volata salvezza, il Lecce sarà in campo contro la Fiorentina alle ore 18 di sabato. Così il Genoa potrà giocare l'indomani conoscendo il risultato

La Lega Serie A non ha accolto la richiesta avanzata dalla società giallorossa di giocare nel prossimo turno in contemporanea le gare di Lecce e Genoa. Una richiesta assolutamente logica e legittima visto che per le gare tra Juventus e Milan dello scorso turno si è scelta la contemporaneità per non favorire l'una o l'altra squadra. Evidentemente valgono i due pesi e due misure tra scudetto e salvezza, oppure, si ritiene che una società come il Genoa non possa sprofondare in serie B (come già successo lo scorso anno alla Sampdoria). In effetti questa gravissima decisione danneggia seriamente il Lecce che, non solo avrà un giorno in meno per recuperare energie, che a fine stagione sono ridotte al lumicino, ma soprattutto avvantaggia il Genoa, che potrà giocare a Udine conoscendo già il risultato della diretta avversaria. La gara tra Lecce e Fiorentina resta pertanto in programma sabato 5 maggio alle ore 18.00. Dal sito ufficiale del Lecce riportiamo le dichiarazioni di oggi di Tomovic e di ieri di Serse Cosmi all'indimani dell'insperato pareggio contro la Juventus. “Ieri abbiamo incontrato una Juventus in salute, stavano bene – dichiara Tomovic a www.uslecce.it. – I principali problemi, più che dagli attaccanti, sono venuti dagli inserimenti di Marchisio e Vidal che si buttavano in mezzo e poi con Pirlo che metteva delle palle pericolose. Proprio da una palla di Pirlo è nato il loro gol; secondo me Marchisio, colpendo di testa, voleva mettere il pallone in mezzo, invece, facendo così ha fatto perdere il passo a Max. Anche in inferiorità numerica abbiamo retto bene; Cuadrado ieri ha giocato molto avanti e quando è stato espulso ci siamo organizzati molto bene, con Blasi che ci aiutava come quinto. Anche il lavoro del centrocampo è stato prezioso perché raddoppiavano e davano una grossa mano a noi difensori. Noi e il Genoa in giorni diversi il prossimo turno? Questa mattina ho letto che Juve e Milan giocheranno allo stesso orario. Penso che sarebbe stato giusto che tutte le squadre in lotta per lo scudetto e per la salvezza giocassero in contemporanea; alla fine non penso che quella che è stata presa sia stata una decisione corretta. Sono convinto che in queste ultime due partite riusciremo ad ottenere sei punti, dobbiamo ottenere bottino pieno e poi vedere i risultati delle altre squadre.” Serse Cosmi ha commentato così il risultato di ieri: “Conquistare un risultato positivo qui a Torino per noi era davvero importante, ma devo ammettere che dopo l'espulsione di Cuadrado ho davvero temuto di perdere. Ogni allenatore razionale – dichiara Cosmi al sito del Lecce – pur augurandosi il meglio per la propria squadra, ha la lucidità di capire che in svantaggio di un gol e con un uomo in meno contro la Juventus la situazione si complica notevolmente. Abbiamo provato a trovare un nuovo equilibrio tattico, passando prima al 3-4-2 e poi, dopo la sostituzione di Di Michele, siamo gradatamente arrivati al definitivo 4-3-1-1, evidenziando nella fase finale della partita una grande organizzazione di gioco. A cinque minuti dalla fine siamo stati agevolati dall'errore di Buffon; nella circostanza siamo stati davvero fortunati, visto che ad un fuoriclasse come lui questi errori possono capitare una volta ogni dieci anni. Sono contento per il pareggio ottenuto qui a Torino ma devo aggiungere che umanamente mi spiace tanto per Buffon che, anche oggi, si è dimostrato un grande uomo. A fine gara abbiamo assistito ad immagini di grande sportività, con i nostri calciatori che timidamente sono andati a salutare Buffon, quasi a scusarsi con un grande campione; sono orgoglioso dei ragazzi che alleno. Il mancato utilizzo di Muriel nell'undici iniziale è stata una scelta concordata con il calciatore, che desiderava recuperare un po' di energie. Non dimentichiamoci che si tratta di un giovane classe 1991 che finora ha giocato tante partite e che, per sua stessa ammissione, in questa fase sta accusando un po' di stanchezza. Tuttavia, l'ho portato ugualmente in panchina; quando l'ho inserito, Muriel ha trovato le risorse per fare quello che sa fare, dando profondità alla nostra manovra. Purtroppo è stato ammonito ingenuamente e, pertanto, contro la Fiorentina sarà fuori per squalifica”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!