Lecce-Frigole. Il Comune abbassa la tariffa; la Sgm non la applica

Lecce. La denuncia del Codacons: per oltre un anno gli utenti del trasporto pubblico avrebbero pagato più del dovuto

LECCE – Per oltre un anno, la società di trasporti Sgm (partecipata del Comune), avrebbe incassato, illecitamente, biglietti di bus Lecce-Frigole (e ritorno) maggiorati. E’ quanto denuncia il Codacons di Lecce, associazione per la tutela dei diritti dei cittadini, che fa presente come anche grazie all’insistenza di Luigi Pranzo, rappresentante del Codacons per il settore Tutela Diritti e disabilità, con due diverse deliberazioni di Giunta, del 9 marzo 2011 e del 27 luglio 2011, il Comune di Lecce avesse disposto che per la corsa di bus urbani da Lecce a tutte le marine (Frigole, Torre Chianca, Spiaggia Bella, Torre Rinalda e Casalabate) e viceversa, si dovesse pagare il normale biglietto orario applicato per l’intera rete (0,80 euro per 90 minuti di corsa). Le due delibere mettevano finalmente fine ad una disparità tra utenti e permettevano a tutti di recarsi alle marine di Lecce pagando lo stesso identico biglietto che ormai da tempo si pagava per recarsi a San Cataldo. Tuttavia, nonostante le delibere fossero immediatamente esecutive, la Sgm le avrebbe applicate solo dal 1° aprile 2012. Un anno dopo. “Un comportamento inaccettabile – commentano Luisa Carpentieri, responsabile di Sede, e lo stesso Pranzo – che, se confermato, determinerebbe un illegittimo guadagno in favore della società a tutto danno dei cittadini leccesi”. “Pubblicamente – aggiungono i due rappresentanti del Codacons – chiediamo al signor sindaco, in qualità di assessore al Traffico della città di Lecce, di accertare e verificare presso la società Sgm le motivazioni che hanno indotto a ritardare l’introduzione della nuova tariffazione, migliorativa rispetto al passato, adottando ogni opportuna attività tendente a restituire ai cittadini quanto pagato di più, ovvero stabilendo che nel prossimo periodo estivo, dal primo maggio al 30 settembre, a parziale ristorno di quanto pagato in più, il viaggio da e per le marine di Lecce sia totalmente gratuito per gli utenti con storno dei mesi corrispondenti dagli eventuali abbonamenti annuali. Intanto, si invitato gli utenti a conservare i vecchi abbonamenti ed eventualmente i vecchi biglietti di viaggio”. Il Codacons ha segnalato la questione al Comando di Polizia Municipale di Lecce affinché svolga gli opportuni accertamenti sul caso.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!