Raccolta rifiuti. Sei isole ecologiche nel Nord Salento

Lecce. Prevista una riduzione delle tariffe per i cittadini che differenziano di più. Soddisfazione di Gianni Garrisi, presidente Ato Le/1

LECCE – Centri comunali di raccolta dei rifiuti differenziati e degli ingombranti. Ovvero delle isole ecologiche custodite ed attrezzate con contenitori idonei che consentano ai cittadini il conferimento dei rifiuti urbani differenziati e, a seconda della quantità di rifiuti conferiti, anche una riduzione tariffaria, secondo il principio “più differenzi, meno paghi”. L’Ufficio unico dei rifiuti dell’Ato Le/1 ne ha previsti sei nel bando appena pubblicato, specificando che saranno utilizzati anche per attività formative e di sensibilizzazione con il coinvolgimento di scuole, associazioni e semplici cittadini. Dei Centri di raccolta, tre sono previsti a Lecce, uno a Campi Salentina, uno a Lizzanello ed uno a Cavallino. Per il Comune capoluogo le tre aree su cui verranno realizzate le isole ecologiche sono in viale dello Stadio, in via Rodari (traversa della provinciale Lecce-Torre Chianca) e viale Grassi. Location selezionate in quanto facilmente raggiungibili sia da parte degli utenti e sia da parte degli operatori addetti alla raccolta. L’intervento è finanziato con fondi del Programma Operativo FESR 2007/2013. “La realizzazione di queste prime tre isole ecologiche per la città di Lecce – spiega Gianni Garrisi nella sua doppia veste di presidente dell’Ato Lecce 1 e di assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce – si coordina al più ampio progetto che vedrà la totale riorganizzazione del sistema di raccolta dei rifiuti urbani con l’introduzione della modalità ‘porta a porta’ per tutta la città; il servizio sarà affidato nei prossimi mesi. Sono previste, difatti, non appena la nuova gestione verrà appaltata e andrà a regime, la creazione di ulteriori quattro Centri Comunali di Raccolta. L’eliminazione totale dei cassonetti, oggi dislocati per tutta la città, dovrà portare ad un uso intensivo di queste strutture ed è di fondamentale importanza che ogni cittadino possa averne almeno una a disposizione nelle immediate vicinanze della propria abitazione, che esse siano al contempo facili da raggiungere e da utilizzare, non solo per la raccolta dei rifiuti differenziati ma anche per lo smaltimento degli ingombranti domestici”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!