Incarichi Alba Service. D’Autilia risponde a D’Agata

Lecce. Il presidente della partecipata risponde alle accuse e rilancia: “L’attività dello Sportello è faziosa”

LECCE – Il presidente di Alba Service Spa, Damiano D'Autilia, risponde alle accuse mosse da Giovanni D'Agata in merito agli incarichi legali conferiti per il recupero delle somme in seguito a incidenti stradali. Secondo D'Agata non sarebbe un caso, infatti, se la società partecipata ha conferito incarichi solo a legali con studio a Lecce; la questione sarebbe legata alla candidatura di D'Autilia alle Amministrative leccesi. “Siamo alle solite – dice -. Giovanni D'Agata, pienamente calato in queste competizioni amministrative, avendo la grande responsabilità di “sponsorizzare” la candidatura di sua moglie nella lista dell'IdV, spara a zero sui suoi avversari, cercando di offuscare la virtuosità di iniziative degne di nota. E mi riferisco all'attività di recupero delle somme rinvenienti da incidenti stradali, intelligentemente avviata dalla Provincia di Lecce per tramite della sua partecipata Alba Service, che non solo permette di evitare oneri, quanto di mettere le toppe ad una gestione (quella del centrosinistra) priva di qualsiasi azione di razionalizzazione delle risorse pubbliche. D'Agata dovrebbe essere lieto del fatto che, oggi, l'amministrazione provinciale guidata da Antonio Gabellone, attraverso Alba Service, provvede al recupero del risarcimento danni subìto dalle infrastrutture stradali e alla conseguente bonifica delle aree interessate. Lieto, perché Alba Service non solo recupera le somme dei sinistri che si verificano oggi, ma provvede al reperimento dei danni da incidenti stradali degli anni passati”. Poi D’Autilia rivolge una serie di domande al suo “avversario” D’Agata: “Dov'era – chiede – quando la Provincia di Giovanni Pellegrino non si preoccupava di risparmiare, mentre la Provincia di Gabellone svolge le medesime attività a costo zero per le casse dell'ente sia per il suo presente amministrativo che per gli errori del passato? Quali diritti dei consumatori tutela D'Agata – aggiunge -, che ha da ridire sulla mia candidatura, omettendo quella di sua moglie tra le file dell'IdV? Gli unici diritti che D'Agata può tutelare sono quelli del centrosinistra e, quindi, diritti di parte, in un'ottica decisamente faziosa. Questa è la peggiore sinistra. Quella che predica bene e razzola male. Quella che punta a screditare il buon operato altrui, per vestirsi di gloria. Quella che diffonde sospetti e diffidenze tra la gente, perché sottomessa ad un complesso di inferiorità che impedisce azioni costruttive”. “Oggi le strutture stradali vengono ripristinate a costo zero. Gli incarichi legali, per cui l'amministrazione provincia e Alba Service non erogano alcun anticipo sulle attività professionali, sono totalmente a carico delle assicurazioni. Gli incarichi, inoltre, sono affidati in ossequio alle norme vigenti, e D'Agata può effettuare tutti i controlli necessari a rassicurare se stesso e il suo partito”. Infine D’Autilia getta dubbi sull’attività dello Sportello dei diritti fondato da D’Agata, descrivendolo come “fazioso” ed “interessato”. “Se vogliamo parlare di azioni interessate – dice -, allora sarebbe il caso di evidenziare la faziosità di uno sportello che, per essere credibile e autorevole dovrebbe essere al di sopra delle parti. Tutti sappiamo che così non è. La differenza tra me e D'Agata, però, è che io non ho bisogno di gettare fango sui miei avversari per continuare nel percorso positivo che la società che amministro già da tempo ha intrapreso”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!