Antonella Protopapa, ‘Sguardo ravvicinato sui giovani’

Racale. Seconda tappa del viaggio volto a conoscere le più giovani candidate in gara. Ecco la giovanissima aspirante consigliera della lista “Alleanza per Racale”

RACALE – ‘Alleanza per Racale’ con Francesco Cimino candidato sindaco è la lista di cui fa parte la giovanissima racalina candidata consigliera Antonella Protopapa. 23 anni, impiegata presso un noto ente di formazione professionale a Racale, è lei la seconda donna candidata che presentiamo ai potenziali elettori nel nostro viaggio in quattro tappe volto a conoscere le più giovani di ogni lista in gara. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze politiche, presso l’Università del Salento, ora è iscritta alla specialistica in Lettere e Filosofia. I suoi hobby sono sport, musica e lettura. Alle nostre domande ha risposto così Che ne pensa della proposta di legge ‘50&50’ per la pari rappresentanza delle donne in politica? “Sono d'accordo, in quanto la proposta di legge è solo l'inizio di un lungo percorso che ci permetterà di allontanarci sempre di più dall'immagine di un consiglio regionale prettamente maschile”. Che cosa ha spinto una giovane donna come lei a candidarsi? “Ho scelto di avvicinarmi a questo mondo dopo una considerazione: la maggior parte delle volte siamo abituati a delegare ad altri certe responsabilità; stavolta, ho deciso io in prima persona di rendermi disponibile per la cittadinanza . Essendo la candidata più giovane della lista, il mio obiettivo principale è quello di rappresentare il mondo giovanile cercando, ove possibile, di andare incontro a tutte le esigenze”. Qual è il progetto cui intenderebbe dar voce una volta eletta? “L’aspetto del programma che ha catturato la mia attenzione e a cui intendo dar voce sono le cosiddette consulte tematiche: strumenti che consentono alla cittadinanza di partecipare attivamente alle decisioni dell'amministrazione comunale. Di notevole importanza dal mio punto di vista, è anche l'aspetto proposto dalla nostra lista ‘Alleanza per Racale’ riguardo il contributo a fondo perduto per i giovani che si apprestano ad avviare un impresa o un’attività di lavoro autonoma per il territorio di Racale e Torre Suda. Il contributo varia da 2.500 a 3500 euro a seconda che l'attività abbia sede nel centro urbano, nel centro storico o nella nostra marina garantendo soprattutto per Torre Suda il servizio per tutto l'anno”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!