Auden e Cage, abbracciano ‘Le Quattro Stagioni’

GUARDA IL VIDEO. Lecce. Grande attesa per le coreografie di Fredy Franzutti, stasera, al Teatro Politeama Greco

LECCE – Fredy Franzutti e le coreografie del suo nuovo balletto, ‘Le Quattro Stagioni’, su musiche di Antonio Vivaldi e John Cage, saranno oggi alle 20,30 al Teatro Politeama Greco di Lecce. Immancabile la sua compagnia il ‘Balletto del Sud’. Le musiche sono interpretate dal gruppo di archi dell'Orchestra sinfonica “Tito Schipa” capeggiati da Stefan Biro. Lo spettacolo, che ha come soggetto “le stagioni delle emozioni dell'anonimo cittadino nella società del Novecento” come dice il coreografo Fredy Franzutti, ha più di un motivo di interesse: per le musiche, perché le Stagioni saranno intervallate da testi, recitati da Andrea Sirianni, del poeta Wystan Auden e da citazioni di musiche registrate di John Cage – di cui si celebra quest'anno il centenario della nascita –; per le scene, che sono dipinte da Isabella Ducrot, nota artista romana sensibile alla contemporaneità astratta; per l'impegno di ricerca e qualità della compagnia di Fredy Franzutti, che si presenta con uno spettacolo inusuale e originale che vede protagonisti Elena Marzano, Carlos Montalvan e Alessandro De Ceglia. Lo spettacolo è inserito nella Stagione della Camerata Musicale Salentina, in collaborazione con la Fondazione Ico ‘Tito Schipa’. I biglietti si possono acquistare presso il Teatro Politeama Greco (0832.241468) o presso la sede della Camerata Musicale Salentina (0832.309901). Sono previste riduzioni per gruppi, studenti e scuole di danza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!