Tadicini: ‘Via Duca degli Abruzzi a rischio crollo’

Lecce. Il candidato nella lista dell'Idv richiama l’attenzione sullo stato di pericolo determinato, a suo parere, dalla cattiva manutenzione delle mura cittadine

LECCE – Un muro che si sgretola può essere il campanello d’allarme da tenere presente per un resoconto sulle condizioni di sicurezza degli edifici comunali. Ciro Tadicini, candidato al Consiglio comunale di Lecce nella lista dell’Italia dei valori a sostegno della candidata sindaca Loredana Capone, richiama l’attenzione dei cittadini e degli amministratori sulla situazione di degrado e di pericolo che si è creata in via Duca degli Abruzzi, dall'incrocio con via di Ussano sino al numero civico 6, a causa della cattiva manutenzione delle vecchie mura di Lecce, che delimitano una proprietà privata.

via Duca degli Abruzzi, Lecce
via Duca degli Abruzzi, Lecce 2
via Duca degli Abruzzi, Lecce 3
via Duca degli Abruzzi, Lecce 4

“Il materiale tufaceo, con cui secoli addietro furono costruite tali vestigia, molto sensibile all'azione meccanica degli agenti atmosferici, all'umidità di risalita del terreno, alla stagnazione di acqua ed allo smog, si sta progressivamente sgretolando, tra l'indifferenza di tutti – dice Tadicini -. Quelle mura, invase alla base da detriti ed erbacce, minate dallo sgretolamento dei conci, andrebbero messe in sicurezza e risanate senza indugi. I nostri amministratori non possono ignorare l'ininterrotto flusso di turisti e lavoratori pendolari, che giornalmente dalla stazione ferroviaria si riversa verso il centro storico, transitando proprio da via di Ussano e via Duca degli Abruzzi. Quale opinione può farsi tutta questa gente, quando percorre queste vie, che introducono alle bellezze barocche del centro storico? I leccesi rifiutano di rappresentare l'immagine di una città indifferente alla conservazione delle proprie bellezze storiche e naturali”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!