Rally Città di Casarano: trionfo per Rizzello e Sorano

I salentini Rizzello e Sorano su pegeaut 207 Super 2000 si aggiudicano la diciannovesima edizione del Rally Città di Casarano. Sul podio anche Laganà e Silvestri.

L’equipaggio tutto salentino composto da Francesco Rizzello e Fernando Sorano su Peugeot 207 S2000, ha vinto la diciannovesima edizione del Rally Città di Casarano, seconda prova del Challenge Rallies Nazionali di Settima Zona a coefficiente 1,5. Il duo portacolori della Scuderia Casarano Rally Team, è riuscito sin dai primi metri a imporre il proprio ritmo, dominando la competizione e regolando la numerosa e qualificata concorrenza confluita a Casarano da varie parti d’Italia. Vincitori di quattro prove speciali su sei (ps2 percorsa in trasferimento), Rizzello e Sorano hanno così iscritto per la seconda volta consecutiva il proprio nome sull’albo d’oro della gara. Al secondo posto assoluto si è piazzato Francesco Laganà che con Emanuele Clavarino, ha portato al debutto la nuova Mitsubishi Lancer Evo X della Vomero Racing, in configurazione R4. Gara in crescendo per il pilota barese che, nonostante un avvio in sofferenza, ha saputo trarre il massimo possibile, vincendo anche due prove speciali. A condizionare la sua performance, alcuni “problemi di gioventù” accusati dal mezzo, tra cui il pescaggio della benzina, che lo ha anche costretto ad un ritardo al CO costatogli 20”. Due driver che sarebbero potuti salire sul podio, si sono invece ritirati: si tratta di Antonio Pascale, vincitore del Trofeo Mitsubishi Evolution Cup 2011, tradito dal cambio, prima della ps 6, quando era secondo assoluto (e che ha corso debilitato per via di un'influenza) e di Enrico Girardi, stoppato dalla rottura del differenziale dopo la ps 5, quando occupava il quarto posto. La terza posizione l’ha fatta sua Emanuele Silvestri in coppia con Mirko Liburdi su una Lancer Evo 9 R4. Alla sua prima esperienza in questa difficile e insidiosa gara che non permette il minimo errore, il pilota romano ha colto un risultato che potrebbe rivelarsi importante ai fini del campionato. Un podio che Silvestri ha voluto dedicare alla figlia Vittoria, nata sette mesi fa. Risultato di prestigio anche per il duo leccese formato da Ivan Pisacane e Salvatore Invidia, su una Renault New Clio Sport di classe R3C. Con una condotta di gara costante e senza sbavature, Pisacane ha realizzato tempi di valore, terminando al quarto posto dell’assoluta e ai vertici della graduatoria di classe. Dietro di lui in classifica generale, un altro equipaggio leccese, quello composto da Fabrizio Mascia e Giorgio Caroli che hanno esordito alla guida della Peugeot 207 S2000. Per loro una gara in crescente confidenza, con un mezzo difficile da interpretare. Vettura nuova anche per Fernando Primiceri e Martino Rosato che hanno utilizzato per la prima volta una Renault Clio S1600 e guadagnato la sesta posizione assoluta, ottenendo anche un meritato successo di classe. Ottima anche la settima piazza in classifica generale conquistata da Luigi Olimpio e Maurizio Iacobelli che con una vettura di scaduta omologazione, la Peugeot 306, sono riusciti ad arrivare davanti a vetture e nomi sulla carta, ben più accreditati. A loro è andata anche la vittoria di gruppo e di classe FA7. La difficile gara salentina, ha messo in evidenza numerosi atri equipaggi che hanno lottato fino in fondo per aggiudicarsi la vittoria di classe. In A7, raggruppamento che ha visto anche il ritiro di Lucrezio, fermato dalla pompa della benzina già nel corso della prima prova speciale, la vittoria è andata a Serafini-Quarta. In R2B si è imposto Turchiuli. La FN3 ha visto trionfare Marotta, in FA5, bella gara di Baglivo mentre in FN2 l’appassionante lotta tra Timo, Pepe e Testa ha finito col premiare il giovane pilota di Taviano (Le).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!