Un nuovo nido a Lecce. Ecosostenibile

Lecce. Presentato oggi alla stampa il nuovo asilo nido sorto in via Nino Della Notte. 850 metri quadrati per 64 bambini

LECCE – Potrà ospitare 64 bambini incrementando così del 20% la capacità ricettiva dell’Amministrazione comunale. E’ stato presentato questa mattina alla stampa il nuovo asilo nido realizzato in via Nino Della Notte, in una traversa di via Merine. La struttura è sorta in una zona in cui, nel corso di questi anni, sono aumentati gli insediamenti residenziali, anche grazie all’attuazione di diversi piani particolareggiati di comparto e per la quale è ipotizzabile una capacità insediativa di circa 6.000 abitanti. Attualmente nel Comune di Lecce esistono quattro nidi già in funzione per un totale di circa 270 posti. Nel caso dell’asilo di via Nino Della Notte oltre la metà degli iscritti potrà usufruire dell’orario prolungato, restando in aula sino alle ore 16.15. Un ruolo importante nella programmazione dell’attività didattica sarà attribuito alla stanza della psicomotricità, nucleo centrale del nuovo edificio facilmente fruibile da tutte e tre le sezioni. L’idea di base è quella di permettere l’utilizzo del nido anche a bambini non iscritti attraverso l’offerta di servizi complementari come i laboratori espressivo, grafico-pittorico, gioco simbolico. Il bando per le iscrizioni agli asili comunali verrà pubblicato entro il mese di aprile. L’edificio si sviluppa in un unico piano fuori terra per una superficie lorda di circa 850 mq di copertura. E’ suddiviso in tre sezioni ben distinte in base all’età dei bambini. Ogni sezione è composta dalla sala per attività didattiche, dalla sala riposo e da specifici servizi igienici. Nelle tre sezioni è possibile ospitare 64 bambini, così suddivisi: – 10 lattanti – 24 semidivezzi – 30 divezzi Particolare cura è stata dedicata nella progettazione per perseguire finalità di risparmio energetico, preferendo l’impiego di materiali idonei ad ottenere un contenitore edilizio energeticamente sostenibile. Gli impianti a servizio dell’edificio sono ad integrazione e supporto dell’ecosostenibilità che ha accompagnato tutta la fase di progettazione dell’edificio. In particolare, è stata fatta ampia scelta di tecnologie innovative e fonti energetiche alternative in modo tale da raggiungere un autosostentamento della fonte energetica elettrica mediante la realizzazione di un impianto Fotovoltaico ed un ottimo confort climatico attraverso la realizzazione di un impianto di riscaldamento e raffrescamento a pavimento del tipo capillare con regolazione domotica climatica ed igrometrica. Alla conferenza stampa erano presenti il sindaco Paolo Perrone, l’assessore ai Lavori Pubblici Gaetano Messuti e il dirigente del settore Edilizia Scolastica, Maurizio Guido.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!