Conflitti genitori-figli. Ecco come affrontarli

Lecce. Oggi la presentazione del progetto che mira a fornire ai genitori tecniche pratiche di riconoscimento del disagio giovanile

LECCE – “Il potenziamento della genitorialità come fattore del benessere sociale”. E’ questo il titolo del progetto vincitore del bando del Consorzio Universitario Interprovinciale Salentino 2011-2012, che verrà presentato oggi alle ore 12, a Palazzo Adorno a Lecce, promosso dall’Unione dei Comuni “Terre d’Oriente”, con capofila il Comune di Muro Leccese, in collaborazione con il Dipartimento di Storia Società e Studi dell’Uomo dell’Università Del Salento. Interverranno il presidente della Provincia di Lecce e del Cuis Antonio Gabellone, il presidente dell’Unione dei Comuni “Terre d’Oriente” e sindaco di Muro Leccese Gabriella Cretì, il consigliere provinciale Francesco Bruni e il consigliere di Uggiano La Chiesa – delegato all’Unione dei Comuni Augusto Paiano. Ad illustrare i particolari saranno la coordinatrice del progetto Terri Mannarini, docente associato di Psicologia Sociale presso l’Università del Salento, e l’esperto formativo Cosimo Talò, psicologo, psicoterapeuta familiare, dottore di ricerca in Psicologia di comunità e modelli formativi, docente a contratto di Psicologia di comunità presso l’Università del Salento. Saranno i due esperti, insieme alla psicologa e psicoterapeuta Monica Legittimo, a realizzare le attività. Il progetto ha un forte impatto sociale, poiché prevede interventi di prevenzione e di benessere sociale che individuano nella famiglia il punto di partenza. Scopo principale è quello di fornire ai genitori tecniche pratiche di riconoscimento del disagio giovanile e di gestione dei conflitti con i figli. E’ previsto, infatti, un percorso formativo ed esperienziale che parte dall’analisi dei bisogni degli adolescenti, sulla base dei quali saranno organizzati incontri tra gli esperti dell’Università e le famiglie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!