Tiro al bersaglio a colpi di sassi

I carabinieri indagano su quella che probabilmente è solo una bravata

Cannole, Sanarica e Palmariggi. Tre Comuni presi di mira dai vandali. 13 autovetture e la vetrina di un’attività commerciale sono state danneggiate da sassi lanciati da un'auto

Si è trattato di un vero e proprio tiro al bersaglio notturno quello che si è consumato nella notte tra venerdì e sabato scorsi nei Comuni di Cannole, Sanarica e Palmariggi. Sassi lanciati contro le vetture e le vetrine di attività commerciali. I carabinieri sono tuttora al lavoro per risalire agli autori dei danneggiamenti che hanno colpito 13 autovetture che erano parcheggiate in strada. I sassi hanno danneggiato anche la vetrina di un laboratorio orafo situato a Cannole. Il sospetto è che si tratti di una bravata. Il tiro al bersaglio è cominciato intorno all’una. I vandali sono stati prima a Sanarica, dove hanno prelevato le pietre da un cantiere edile; e poi da Sanarica si sono spostati a Cannole e poi a Palmariggi. Il raid è durato circa mezz’ora. Le segnalazioni dei cittadini, alcuni dei quali si sono accorti subito di quanto stava accadendo, hanno lanciato l’allarme. I carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Maglie si sono messi subito sulle tracce del branco. Gli investigatori stanno visionando le riprese filmate dalle telecamere a circuito chiuso che sono piazzate davanti ad alcuni esercizi pubblici.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!