‘Io vivo qui’. Le inchieste giornalistiche si fanno piccole piccole

Lecce. La coscienza critica che si coltiva da piccoli, per fare diventare i grandi un po’ più responsabili

Li avete mai visti gli occhi severi dei bambini? Quanto ti guardano e sai già che cosa ti vogliono dire? Ti senti nudo e stupido, quando sono loro a guardarti con sguardi obliqui per dirti che hai sbagliato. Dal 18 aprile prossimo sarà il quartiere Leuca, a Lecce, e tutti i suoi abitanti, e gli amministratori e il sindaco a sentirsi (forse. Speriamo) così. Perché i 30 bambini che parteciperanno al laboratorio urbano “Io vivo qui”, organizzato dall’associazione culturale “Fermenti lattici”, all’interno della scuola elementare di via Abruzzi, andranno con le loro macchine fotografiche, il taccuino e le penne e soprattutto il loro sguardo critico, per le strade del quartiere a vedere “dove vivono”. Se il progetto che i grandi chiamano di “rigenerazione urbana” funziona o meno, per capire come cambia il loro pezzo di mondo e contribuire a testimoniare il cambiamento, proponendo anche le loro idee sulla città che vorrebbero. Un’inchiesta a tappe fatta a misura di bambini (già, proprio così, un’inchiesta fatta dai bambini. Chi dice che le inchieste giornalistiche non si fanno più?), su una città, Lecce, e un quartiere, che purtroppo a misura di bambino non lo sono mai stati. Una bellissima iniziativa per coltivare la coscienza critica e la coscienza civica dei piccoli cittadini, che inonderanno le strade di “perché”. L'inaugurazione della “Casa delle Storie”, presso la biblioteca della scuola, si terrà oggi alle 16.30. Il laboratorio partirà poi ufficialmente il 18 aprile. Ndr Il Tacco d’Italia, unico giornale d’inchiesta del Salento, è disponibile a pubblicare, in una rubrica ad hoc, tutti i servizi dei piccoli reporter di “Io vivo qui”. Informazioni per i piccoli reporter: Gli appuntamenti sono gratuiti e riservati a bambini di IV e V elementare, si svolgeranno ogni mercoledì di aprile (a partire dal 18/04/2012) e ogni lunedì e mercoledì nei mesi di maggio e giugno. Il laboratorio è rivolto a un massimo di 30 iscritti. Per informazioni: 347.0094900 340.4722974 [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!