Atti vandalici contro i comitati di Pepe

Galatina. Prese di mira le sedi elettorali di Antonio Pepe ed Emanuele Mariano. Sostegno dal mondo politico

GALATINA – Sdegno e amarezza ieri mattina a Galatina per gli episodi vandalici che si sono verificati nel corso della nottata presso i comitati elettorali del candidato sindaco Antonio Pepe (Città Libera, PDL, PSI e Puglia prima di Tutto) e di Emanuele Mariano (Lista civica Città Libera) a Noha, frazione di Galatina. Intorno alla mezzanotte tra sabato e domenica, i due comitati, in piazza San Michele, sono stati presi di mira da ignoti che hanno strappato i manifesti elettorali, sottratto materiale pubblicitario e ribaltato i tavoli e le sedie presenti nelle sale. La polizia è intervenuta sul posto e ha potuto verificare e quantificare il danno provocato.

comitato Antonio Pepe
Emanuele Mariano comitato

“Questo episodio – ha dichiarato Pepe – non ci intimorisce minimamente, anzi ci fa comprendere che questa campagna elettorale va affrontata con più energia e coraggio, orgogliosi del nostro stile e della nostra forza”. Tanti attestati di stima e dichiarazioni di solidarietà sono giunti dal mondo politico. Nel corso della presentazione della lista PDL, svoltasi alle ore 11.00 del giorno dopo presso lo Chalet delle Rose a Galatina, l’europarlamentare Raffaele Baldassarre, il deputato del PDL Ugo Lisi, il capogruppo PDL alla Regione Rocco Palese, i consiglieri regionali Roberto Marti e Saverio Congedo, i senatori Giorgio Costa e Cosimo Gallo, presenti all’evento, hanno tutti espresso la loro vicinanza al candidato. In particolare Palese, al termine del suo intervento, ha invitato la cittadinanza a guardarsi attorno ed a riconoscere i volti di chi può cambiare le sorti della città e restituire a Galatina la dignità e il valore che ha sempre avuto. Solidarietà anche da altri esponenti della vita politica salentina e pugliese, tra cui il consigliere regionale della Puglia prima di Tutto Andrea Caroppo, molto vicino al candidato sindaco Pepe.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!