Borghi fioriti. Otranto al primo posto

Otranto. 19.722 euro per realizzare allestimenti floreali da Porta Alfonsina e per tutto il borgo antico, fino al monumento dedicato alla Kater I Rades

OTRANTO – Il progetto del Comune di Otranto è stato giudicato il migliore tra quelli presentati in tutta la Puglia, nell’ambito del bando regionale “Borghi Fioriti – I fiori e la natura nei borghi”. E così, dal 1° al 6 giugno, grazie al finanziamento previsto dal bando (19.722 euro) sarà possibile realizzare quell’esplosione di colori e profumi prevista dal progetto tramite allestimenti floreali che si snoderanno da Porta Alfonsina e per tutto il borgo antico, fino al monumento dedicato alla Kater I Rades in area Ex Fabbriche. Previsti anche laboratori ludici e varie iniziative dedicate ai più picoli, e la sera, nei locali del centro storico, una serie di eventi con tanta musica. Il bando regionale, pubblicato in data 21 novembre 2011, era rivolto alle Amministrazioni comunali della Puglia con meno di 15.000 abitanti nell’intento di valorizzare e promuovere itinerari turistici e/o tematici nei borghi minori. Grande la soddisfazione dell’assessora alle Politiche sociali Lavinia Puzzovio, coordinatrice del progetto: “Sono molto contenta del risultato, siamo arrivati primi in Puglia. E’ un progetto nato dalla sinergia fra pubblico e privato, con la fattiva collaborazione dei giovani, delle associazioni e dei commercianti presenti sul territorio otrantino. Un’altra importante vittoria per la nostra città. Tutto ciò contribuirà senz’altro a migliorare l’appeal turistico della città in un periodo di inizio stagione che speriamo possa, anche quest’anno, confermarci il trend crescente di presenze degli ultimi anni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!