Discarica abusiva in zona vincolata. Denunciati in due

Salve. Rispondono di getto pericoloso di cose e attività di gestione di rifiuti non autorizzata

SALVE – Getto pericoloso di cose e attività di gestione di rifiuti non autorizzata. Di questo rispondono le due persone di Salve, R.V., 63enne e F.G., 44enne, denunciate dai carabinieri del posto. Durante le indagini dei militari è infatti emerso che R.V. aveva consentito a F.G. di sversare ed accatastare nel proprio terreno, il materiale di risulta proveniente dalla sua attività professionale. In tal modo la proprietà di R.V. era divenuta una vera e propria discarica a cielo aperto, recintata con mattoni traforati e chiusa con una catena ed un lucchetto, nella quale erano stati buttati rifiuti vari, compreso materiale edile non più utilizzabile, pannelli in eternit spezzati e quindi particolarmente rischiosi per la salute e l’ambiente, materiale plastico di diverse tipologie, arredi sanitari ed altro materiale destinato ad essere smaltito separatamente e con opportune cautele e procedure.

discarica Salve
discarica Salve 2

La discarica abusiva, oltre ad essere priva di qualsiasi tipo di autorizzazione, era stata realizzata in località “Maute” del Comune di Salve, ovvero una zona sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico. Tutta l’area è stata pertanto sottoposta e sequestro e contrassegnata in modo visibile e sia la proprietaria del terreno che il responsabile dello sversamento sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!