Candidati, attivismo da ricerca del consenso

Casarano. Tra proposte ed incontri con i cittadini si moltiplicano le iniziative degli aspiranti sindaco

CASARANO – Un progetto per trasformare i rifiuti in denaro sonante. Il sogno di tutti i cittadini e di tutti gli amministratori locali. La riforma del sistema riguardante il ciclo dei rifiuti è una delle materie più dibattute in ogni campagna elettorale. In particolare in questa campagna, visto che il prossimo sindaco di Casarano avrà la possibilità, tra un anno esatto, di affidare il relativo servizio che, com’è noto, è il più costoso tra quelli gestiti direttamente dall’amministrazione comunale (2.382.456,60 euro). Attilio De Marco, candidato sindaco del centrosinistra, interviene in tema di ambiente e lancia l’idea di aderire alla proposta del “Consorzio Erlat”, con cui vengono installati “ecopunti” nei comuni che aderiscono all’iniziativa con il fine di trasformare i rifiuti in risorsa economica. Sempre molto attivi i candidati alla carica di sindaco per cercare il consenso in vista delle elezioni amministrative. Questa sera, infatti, sia De Marco che Gianni Stefano sono impegnati in due distinte iniziative pubbliche. Il candidato del centrosinistra incontra i commercianti della città presso l’ex cinema Araldo, sede del suo comitato elettorale (ore 20,30). Stefano, sostenuto da una coalizione di centrodestra, incontrerà gli elettori presso il Castello Pio (ore 18,30). E’ previsto anche l’intervento di Simona Manca, vice presidente della Provincia. Rimanendo nello stesso schieramento, da segnalare la lettera che Gigi Stefano (candidato della lista Stefano) ha inviato nei giorni scorsi alla commissaria, Erminia Ocello, con l’invito di prendere in considerazione “l’opportunità di far partecipare il Comune di Casarano ad un bando previsto dalla Regione Puglia e finanziabile al 100 % per gli enti comunali ai fini della presentazione di un progetto di pubblico dominio volto al miglioramento strutturale delle strade rurali cittadine”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!