Tre rapine fallite nella notte

Casarano. Scatta l’allarme e vanno in fumo due colpi ad altrettante stazioni Q8 a Casarano e Collepasso ed uno ai danni di un bar di Surbo

CASARANO – E’ stata la notte dei colpi falliti. Almeno tre tentativi di rapina sono andati a vuoto, infatti, tra la tarda serata e la notte di ieri. In due casi hanno riguardato stazioni di servizio, per giunta tutte della compagnia Q8; in un caso, un bar. Il primo tentativo di furto è stato compiuto ai danni della stazione di carburanti Q8 di Casarano sulla strada per Ugento. Il bar di questa stazione di servizio era finito nel mirino dei malviventi non più di due settimane fa, quando, durante un tentativo di rapina, il commesso venne ferito alla teta con il calcio della pistola. Stavolta, l’allarme collegato con l’istituto di vigilanza Fidelpol ha messo in moto la pattuglia che ha allertato le forse dell’ordine ed è subito giunta sul posto. Dove però già non c’era più alcuna traccia dei rapinatori. Purtroppo anche le telecamere di sicurezza erano spente, il che rende molto difficili le indagini. La seconda stazione di servizio presa di mira è stata la Q8 di Collepasso sulla strada per Maglie. Anche in questo caso, l’antifurto ha allertato i vigilanti della Fidelpol. Al loro arrivo su posto, i malviventi non c’erano più; in compenso vi erano alcune impronte di scarpe sul muro; una finestra è stata frantumata per entrare nel locale, dal quale però i rapinatori non hanno fatto in tempo a prelevare a. Terzo colpo fallito, a Surbo, presso il “Salent club Cafè“. I ladri hanno danneggiato il contenitore dell’antifurto forse ocn l’intento di disattivarlo e poi sono fuggiti via.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!