Scommesse clandestine. Nei guai una donna

Alezio. Ritirava i soldi, stabiliva le puntate ed elargiva le vincite, senza alcuna autorizzazione. Colta in flagrante dai finanzieri

ALEZIO – Senza alcuna autorizzazione di polizia e dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, raccoglieva le puntate dei clienti, ne stabiliva le quote, elargiva le vincite. La titolare di un centro scommesse non autorizzato di Alezio è stata colta in flagranza di reato dai finanzieri della Compagnia di Gallipoli. La donna “operava” in collaborazione con un allibratore estero fuori dalla comunità economica europea, peraltro sprovvisto di apposita concessione all’accettazione di scommesse sul territorio italiano, con il quale si interfacciava attraverso collegamenti telematici. Due i giocatori sorpresi nel centro scommesse mentre effettuavano le puntate; questi, su richiesta dei finanzieri, hanno esibito tre ricevute di puntate su partite di calcio del Campionato italiano di serie A e B, lega pro, nonché su partite della Bunds liga, Premier league e campionati esteri. I militari hanno sequestrato sette computer completi di monitor, tastiera, mouse e stampanti, palinsesti della giornata e delle giornate precedenti, giornali pubblicitari delle scommesse. La responsabile è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!