'Famiglie funambole'. Le spiega Crepet

Poggiardo. Il noto psichiatra sarà l’ospite dell’incontro di domani sul ruolo della famiglia nella società di oggi

POGGIARDO – Il ruolo centrale della famiglia nella società, che cosa significa oggi essere genitori tra difficoltà, dubbi, paure, competenze ed emozioni, sono i temi attorno ai quali ruoterà l’incontro–dibattito dal titolo “Famiglie funambole” in programma domani, alle ore 17.30, nel Teatro Illiria di Poggiardo, con la partecipazione dello psichiatra di fama internazionale Paolo Crepet. L’iniziativa è organizzata dalla cooperativa sociale Comunità San Francesco di Ugento, gestore del servizio di Educativa domiciliare, in collaborazione con il Consorzio per la realizzazione del Sistema integrato di Welfare – Ambito di zona di Poggiardo e il Comune di Poggiardo, con il patrocinio di Provincia di Lecce e Asl Lecce. Apriranno i lavori l’assessora alle Politiche sociali e alle Pari opportunità della Provincia di Lecce Filomena D’Antini Solero e il sindaco di Poggiardo e presidente del Consorzio per i servizi sociali Ambito di Poggiardo Giuseppe Luciano Colafati. La parola passerà, quindi, allo psichiatra e direttore scientifico della Scuola per genitori di Vicenza, Paolo Crepet, che nel suo intervento si soffermerà sul difficile ruolo della famiglia moderna costantemente “sospesa” in un delicato esercizio di equilibrio lungo il filo della vita quotidiana, per questo definita “famiglia funambola”. Ad introdurre e moderare ci sarà Alessandro Nocco, esperto in Servizi e Politiche di welfare. Il Consorzio per la realizzazione del Sistema integrato di Welfare – Ambito di zona di Poggiardo comprende i Comuni di Andrano, Botrugno, Castro, Diso, Giuggianello, Minervino di Lecce, Nociglia, Ortelle, Poggiardo, Sanarica, San Cassiano, Santa Cesarea Terme, Spongano, Surano ed Uggiano la Chiesa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!