Seppie ripiene con pecorino pugliese

Ecco una ricetta che sa di mare. Pensateci, per la gita fuori porta di Pasquetta

// Ingredienti 1 kg di seppie 2 panini raffermi 2 uova 1 cucchiaio di prezzemolo tritato 1 spicchio di aglio 1 acciuga sotto sale 1 cucchiaio di capperi olio extravergine d’oliva i cirri della seppia pecorino pugliese grattugiato il sale necessario pepe nero al mulinello salsa di pomodoro qualche pomodorino ciliegia // Preparazione Si prepari un impasto con il pane raffermo bagnato nell’ acqua, le uova, il prezzemolo e l’aglio tritati, l’acciuga lavata e diliscata a pezzettini, i capperi, il pepe, un pizzico di sale ed una spolverata generosa di pecorino grattugiato. Si lavino le seppie, si privino della pelle e dell’osso interno, si chiuda bene l’imboccatura cucendo con filo ed ago per cucina. Si tritino bene i cirri e si mettano nell’impasto col pane e pecorino, quindi si farciscano le seppie. Si trasferiscano in una teglia con olio abbondante, una decina di pomodorini ciliegino tagliati in due e un mestolo di salsa di pomodoro cruda. Si regoli bene di sale, si spolveri con pepe e si unisca un mestolo d’acqua. Si faccia cuocere in forno già caldo a 160°C per 45 minuti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!