Le ambiguità di Gianni Stefano sulle biomasse

Casarano. IDV contesta al candidato sindaco posizioni altalenanti sul delicato tema delle biomasse

L'idea ambigua di Città di Gianni Stefano “Gianni Stefano è un po' confuso in questi giorni”. L'IDV di Casarano contesta al candidato sindaco di centrodestra l'incoerenza delle posizioni assunte negli ultimi giorni in tema di biomasse. Dopo un dibattito televisivo nel quale Gianni Stefano era stato incalzato sull'argomento, il “no” alle biomasso è stato addirittura promosso al primo posto nel programma di governo. “Un continuo balletto di dichiarazioni approssimative e forse un aggiustamento di convenienza – attacca IDV – con cui ha cercato disperatamente di nascondere gli errori politici madornali degli ultimi giorni. La città ha da tempo, infatti, disapprovato e accantonato all'unanimità il discorso sulle centrali”. “Qualche giorno fa – afferma il Segretario cittadino IDV, Piergiorgio Caggiula – in una nota redazione televisiva salentina, con foglietto alla mano, Stefano si è detto favorevole agli impianti, scatenando le reazioni di tutti gli oppositori intervenuti nel dibattito. Alcuni giorni dopo, si vanta di aver aperto il suo programma amministrativo con un “No alle centrali”. “E' evidente, continua Caggiula, che nel frattempo si sarà accorto di una forte diminuzione di consenso tra i cittadini casaranesi.” Italia dei Valori chiude la dura nota contro Stefano, contestando all'Assessore Provinciale all'Ambiente la titolarità di un progetto per centrale a biomasse a Melissano e il parere favorevole espresso in passato riguardo alle centrali nucleari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!