Liceo artistico Ciardo. 'Incompiuta firmata Poli-Perrone'

Lecce. La denuncia di Sergio Ventura, esponente del Pd e docente al ‘Ciardo’. Che attribuisce le responsabilità ai sindaci degli ultimi dieci anni

LECCE – Si trova poco distante dall’area in cui a breve sorgerà un nuovo istituto alberghiero, presentato giorni fa dalla Provincia di Lecce. In questo caso i lavori sono stati iniziati, anni fa, e mai portati a termine. Si tratta del liceo artistico Vincenzo Ciardo. Su questa vicenda getta luce il Pd di Lecce ed in particolare Sergio Ventura, docente proprio nel liceo artistico leccese in questione. “Responsabili di questo ennesimo spreco di denaro pubblico sono proprio i due sindaci amici/nemici Adriana Poli e Paolo Perrone – dice Ventura – titolari, per questi ultimi dieci anni, del cantiere per la costruzione della sede dell’Istituto superiore artistico”.

liceo artistico incompiuto

A seguito di specifiche normative che regolavano l’istruzione artistica negli anni Ottanta, ricostruisce Ventura, il Comune di Lecce si ritrovò ad essere l’Ente appaltante di questo edificio. Negli anni successivi all’Ente Provincia venne riservata la competenza nella realizzazione degli edifici scolastici superiori e con questa anche l’esclusività dei finanziamenti. Il Comune di Lecce quindi si ritrovò senza i finanziamenti necessari per completare la sede del Liceo Ciardo. Nel 2003, a seguito delle proteste del corpo docente e degli studenti, si decise di trasferire le attività del Liceo presso la parte dell’edificio realizzato che fu ceduto alla Provincia di Lecce; la parte realizzata a rustico, che comprende anche la palestra, rimase di competenza del Comune. “Da quel momento – commenta l’esponente del Pd – qualunque amministratore attento ai bisogni dei cittadini, avrebbe ceduto alla Provincia anche la rimanente parte per permetterne il suo completamento. Ma così non è stato. L’allora sindaca Poli e il suo successore Perrone iniziarono e continuano ancora una singolare trattativa con la Provincia che coinvolge, oltre al lotto sulla via Vecchia Copertino anche la sede dell’Istituto Costa, quella della scuola elementare Cesare Battisti e la sede dell’Istituto d’Arte Pellegrino di fronte al Tribunale. L’obiettivo finale di questo balletto sembra essere la riconversione commerciale dell’edificio del Cesare Battisti lungo Via Trinchese”.

liceo artistico incompiuto 2

La situazione sembra quasi paradossale. La Provincia di Lecce avrebbe infatti le risorse finanziarie per intervenire, ma non gli è permesso dal Comune di Lecce che invece non ha risorse, ma vuole in cambio della cessione le proprietà della Provincia per realizzare il suo progetto di riconversione funzionale. Nel frattempo cresce il numero degli iscritti al liceo artistico, che quest’anno sono arrivati a 900 ed avrebbero bisogno di un istituto di dimensioni adeguate. “Infine – conclude Ventura -, è disarmante l’insensibilità e l’impreparazione con cui si affrontano i temi urbanistici cittadini. La Provincia di Lecce da molti anni, essendo proprietaria di vaste aree lungo la Via Vecchia Copertino, ha qui realizzato numerose sedi scolastiche con la conseguente trasformazione dei carichi di traffico ed urbanistici su una viabilità di campagna. Ogni mattina autobus extra urbani, urbani della SGM, auto private e studenti a piedi s’imbottigliano in uno stretto passaggio tra via San Pietro in Lama e via Vecchia Copertino con notevoli rischi per i ragazzi. Una situazione che dura da oltre nove anni e che non ha sollecitato i sindaci Poli/Perrone ad alcun provvedimento di messa in sicurezza. Ora la notizia della costruzione, che accogliamo positivamente anche alla luce del prossimo ribaltamento della Stazione FS, del nuovo Istituto alberghiero per mille studenti in quell’area dovrebbe spingere il duo Poli/Perrone a decidersi a dirci qualcosa di concreto su questa porzione di città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!