Il Pantheon della Popolare Pugliese

Parabita. La BPP ha presentato ieri il nuovissimo Centro di formazione ubicato in una Villa storica. Le sale intitolate agli uomini che hanno fatto grande la banca

Un pezzo di storia del Salento torna a rivivere. Lo splendido contenitore di Villa Colomba a Parabita ha svelato ieri mattina il nuovo e tecnologicamente avanzato Centro di Formazione che la Banca Popolare Pugliese ha voluto realizzare per l'aggiornamento professionale dei suoi circa 850 dipendenti. Il direttore generale Vito Primiceri ha illustrato la storia dell'edificio. La villa fu edificata nei primi anni Venti dall'architetto parabitano Napoleone Pagliarulo, su commessa del dott. Giuseppe Giannelli che volle chiamarla Colomba in onore di sua moglie Colomba Starace, zia di Achille Starace segretario del PNF. Grazie ad un intervento di riqualificazione esterno ma soprattutto interno, questo edificio storico torna “a far parte a pieno titolo del patrimonio architettonico di Parabita” – per usare le parole del Sindaco Alfredo Cacciapaglia, il quale ha espresso a nome della cittadinanza il suo più vivo compiacimento. Soddisfatto anche il presidente della BPP Carmelo Caforio che ha voluto ringraziare il Prefetto della provincia di Lecce Giuliana Perrotta per essere intervenuta alla cerimonia di inaugurazione. Che la Popolare Pugliese ci tenesse in modo particolare a questo evento lo dimostra la presenza del CdA al completo e dei componenti il collegio sindacale. Abbiamo chiesto a Vito Primiceri la ragione di questa solennità. Il Direttore generale della BPP ha sottolineato l'importanza della formazione, “intanto perché la complessità delle normative e delle procedure che un dipendente di banca deve oggi conoscere impone un notevole sforzo da parte dell'azienda. Questa formazione e aggiornamento professionale – ha proseguito – si traducono poi in una maggiore qualità del servizio che mettiamo a disposizione della nostra clientela. Con questo investimento abbiamo voluto raggiungere due risultati: in primo luogo intendevamo dare una destinazione degna a questo edificio storico che fu acquistato con grande lungimiranza nel 1981 dalla Banca Popolare di Parabita e Aradeo. Poi, vista la centralità dell'aggiornamento professionale continuo per i nostri collaboratori e dipendenti, volevamo ospitare il Centro di formazione in uno stabile ricco di storia. Con questa operazione di recupero crediamo di aver centrato entrambi gli obiettivi”.

primiceri caforio prefetto

Villa Colomba rappresenta anche un ulteriore passaggio di maturazione per la Banca Popolare Pugliese che, diventata uno degli istituti di credito più importanti in Puglia, continua a tenerci molto a valorizzare le sue radici nel basso Salento. Villa Colomba è un po' il Pantheon della BPP. La sala multimediale, quella tecnologicamente più avanzata, è stata dedicata alla memoria di Riccardo Caggia, Direttore Centrale della Banca, scomparso pochi mesi fa a soli 54 anni. Un altra sala è per Giuseppe Malinconico, direttore che ha lasciato il segno nella Popolare di Parabita divenuta poi Popolare di Lecce. L'elegante atrio centrale è dedicato al compianto presidente Raffaele Caroli Casavola. Doveroso omaggio anche ad uno dei fondatori della BPP, Giorgio Primiceri, al quale è stata dedicata la sala della direzione generale a Matino. “Questo ci aiuterà a tramandare anche ai più giovani – ha concluso Vito Primiceri – il ricordo degli uomini che hanno creato e fatto grande questa azienda e questo territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!