Rubano moto e via a luci spente. Preso il conducente

Lecce. Il passeggero è fuggito mentre gli agenti fermavano il complice. La moto è stata restituita al legittimo proprietario

LECCE – Su una moto ad alta velocità e senza casco. E quando si è accorto che la cosa non era passata inosservata alla pattuglia dell’Ufficio volanti della polizia di Lecce, il conducente del mezzo ha spento le luci nel tentativo di rendere illeggibile la targa. E’ accaduto la scorsa notte attorno all’1.30 nei pressi di via Pozzuolo; la moro di grossa cilindrata proveniente da questa strada sfrecciava a tutta velocità verso la Statale 613 Lecce-Bridisi. Così è partito un forsennato inseguimento, ma la moto è riuscita a far perdere le proprie tracce all’imbocco della rotatoria posta all’intersezione con Via Taranto per proseguire verso la statale. Gli agenti non hanno comunque abbandonato le ricerche e, una volta sulla Statale 613, nel piazzale del distributore di carburanti Esso, hanno riconosciuto il veicolo in questione, una Yamaha R6, cc 600, di colore bianco/blu, fermo con il solo conducente a bordo, tra le due fila di colonnine del rifornimento, in corrispondenza del gabbiotto con l’operatore addetto al turno di notte. Poco distante, un altro individuo, il cui abbigliamento, un giubbotto di colore azzurro. A quel punto, i due hanno tentato nuovamente di fuggire, ma questa volta gli operatori hanno posizionato l’auto di traverso bloccando il passaggio. Il conducente, Mhamed Ouacif, 28 anni di nazionalità marocchina, si è messo nuovamente alla guida della moto che pochi metri dopo si è fermata per un’avaria e quando è stato bloccato ha reagito con calci e pugni, al punto che, al termine dell’intervento, uno degli agenti è stato condotto al Pronto soccorso del “Fazzi” dove gli è stato diagnosticato un “trauma contusivo alla mano destra ed un lieve edema”, guaribili in tre giorni. Mentre i due agenti erano impegnati a bloccare Ouacif, poi arrestato per i reati di guida in stato di ebbrezza, ricettazione, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale il passeggero è riuscito a scappare. La moto, risultata rubata, è stata restituita al legittimo proprietario, che non si era ancora accorto del furto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!