Furto in appartamento. Quattro arrestati, anche un minorenne

Casarano. Fermati dai carabinieri quando avevano appena messo a segno il colpo. Nell’auto nascondevano ancora la refurtiva

CASARANO – La loro Fiat Bravo in giro di notte nei pressi di via Lucania ha insospettito i carabinieri di Casarano e Ruffano in servizio congiunnto. Che hanno deciso di controllarla. A bordo erano in quattro, tutti casaranesi e tutti già noti alle forze dell’ordine: Alessio Ciriolo, 21 anni, Cristian Giovanni Causo, 23 anni, Emanuele Zompì, 22enne, e C.G, di 17 anni.

Alessio Ciriolo

Alessio Ciriolo

Cristian Giovanni Causo

Cristian Giovanni Causo

Emanuele Zompì

Emanuele Zompì Quando i carabinieri hanno chiesto loro che cosa stessero facendo da quelle parti, i quattro giovani non hanno saputo fornire una spiegazione valida e comunque un’unica versione. Così è scattata la perquisizione. Ed a quel puto sono venuti fuori pinze, martelli, cacciaviti.

arnesi da scasso

Inoltre, ben nascosti nel baule dell’auto, c’erano un televisore a led da 22 pollici, una telecamera, una macchina fotografica, uno specchio d’arredo, un auricolare per cellulare, una torcia elettrica, un decoder e vari oggetti minori per un valore complessivo superiore ai 2mila euro. Il materiale rinvenuto era provento del furto in un’abitazione in via Principe Amedeo, al momento disabitata. Il sopralluogo presso l’abitazione ha permesso di accertare che i giovani avevano rotto la porta di ingresso con un martello, avevano messo a soqquadro tutti gli ambienti impossessandosi della refurtiva. Tutti gli oggetti sono stati riconosciuti dai proprietari di casa a cui saranno restituiti una volta terminate le formalità di rito. I responsabili sono stati condotti presso il carcere di Lecce ed il minorenne presso l’istituto penitenziario di Monteroni.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!