Pdl-Io Sud. Ecco il documento che sancisce l’intesa

Lecce. L’alleanza si ripropone di superare le difficoltà del passato “nell’interesse primario del territorio”

LECCE – L’obiettivo è solo uno: vincere. Lo si legge sulla bacheca di Adriana Poli Bortone, leader di Io Sud, “forte” della ritrovata intesa con il Pdl, la sua vecchia casa. Ieri la firma del documento che sancisce quest’alleanza, ristabilita, si legge nel documento politico sottoscritto, per “superare le difficoltà registrate nel recente passato per recuperare, invece, tutti i punti di possibile convergenza, nell’interesse primario del nostro territorio”. L’intesa non è valida solo per il Comune di Lecce, ma anche per tutti i Comuni salentini chiamati alle urne a primavera. Ecco il documento: PDL e Io Sud – Grande Sud condividono la necessità di dare vita a forme di collaborazione tra le due forze politiche con l’obiettivo di indicare per il territorio salentino, le linee di sviluppo e le politiche di governo nel solco della tradizione moderata e dei valori di riferimento che caratterizzano i rispettivi partiti. Ciò avviene in linea con gli indirizzi politici scaturiti dal recente congresso provinciale del PDL e con gli obiettivi programmatici che IoSud, quale partito territoriale, ha posto in essere fin dalla sua fondazione. Tale collaborazione intende superare le difficoltà registrate nel recente passato per recuperare, invece, tutti i punti di possibile convergenza, nell’interesse primario del nostro territorio e nella convinzione che e nella convinzione che l’esperienza e l’apporto di una forza politica territoriale possa dare maggiore vigore alla questione meridionale e alle ragioni del Sud, che trovano tuttavia soluzione in un contesto di unità nazionale. Per quanto riguarda, in particolare, le possibili forme di collaborazione, le due forze politiche individuano nell’Amministrazione provinciale un valido terreno su cui può manifestarsi condivisione. L’esperienza di governo del Presidente Gabellone, improntata ad equilibrio, rigore ed essenzialità dell’azione amministrativa che ha prodotto evidenti risultati di gestione, e l’attività di minoranza costruttiva posta in essere da IoSud e in particolare dalla Sen. Poli Bortone con proposte spesso tenute nella giusta considerazione, sono i punti di partenza per una proficua, efficace e concreta collaborazione che può verificarsi anche attraverso un diretto coinvolgimento politico nella restante parte della consiliatura provinciale. La collaborazione può altresì manifestarsi su buona parte del territorio provinciale e segnatamente nelle amministrazione comunali a cominciare da quelle chiamate al voto nella prossima primavera. A tal proposito i due partiti si impegneranno, fin dai prossimi giorni, ad analizzare le situazioni dei vari comuni per verificare la fattibilità di proposte e progetti condivisi, pur nel rispetto delle peculiarità locali. Ciò vale soprattutto nei comuni maggiori, dove si vota con il sistema proporzionale, ma anche negli altri comuni dove, per il sistema elettorale maggioritario, è necessario compiere un maggiore sforzo di sintesi. Per quanto invece attiene alle elezioni nella città capoluogo le due forze politiche sottolineano e condividono alcune considerazioni: a) l’esperienza dei governi di centrodestra, che è iniziata nel 1998 con la prima giunta Poli Bortone, ha avuto il merito di segnare una straordinaria stagione positiva per la città in termini di sviluppo sociale, economico, culturale e produttivo; b) la città di Lecce ha un elettorato prevalentemente moderato e sostanzialmente non di sinistra, tanto che per ben tre volte consecutive ha eletto amministrazioni di centrodestra anche con percentuali altissime; c) alla vigilia delle elezioni amministrative la coalizione di centrodestra dovrà dare vita ad una rinnovata proposta di progetto per la città, nel solco della tradizione moderata che ha contraddistinto i rispettivi partiti, tenendo conto dei nuovi assetti che si sono determinati nel tempo e del mutato quadro, nonché delle spinte dei movimenti di carattere territoriale che sono in grado di svolgere un ruolo rilevante; ciò anche per rispondere a precise istanze dell’elettorato di riferimento e nella convinzione che il centrodestra possa ancora ben operare nell’interesse della città; d) è fondamentale cogliere gli aspetti positivi di tutte le esperienze di governo di centrodestra finora succedutesi, rifuggendo da sterili polemiche che non conducono a nessun risultato positivo per la città, come dimostrano le più recenti risposte fornite dall’elettorato; e) alla luce delle precedenti considerazioni si di poter dare corso ad una nuova fase caratterizzata da una reale apertura alle forze politiche disponibili e da un nuovo progetto nel quale non vengono posti veti ma vengono richiesti e praticati concreti segnali di cambiamento e fattori di stabilità. Di tale necessità di dovrà tener conto sia nella fase di redazione del programma elettorale amministrativo sia per quel che attiene la formazione della nuova giunta; f) in questa prospettiva il PDL e Io Sud – Grande Sud sono disponibili, anche per la città di Lecce, a dare vita ad un’intesa nella quale la Politica assuma il ruolo centrale. Il Coordinatore provinciale PDL Antonio Gabellone Il Segretario Provinciale Io Sud Gerardo Filippo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!