Idv: rivedere l'aggiudicazione Cogea

Casarano. Duro attacco di Piergiorgio Caggiula dell'Italia dei valori alla Geotec, tra diritti dei lavoratori e opacità degli assetti societari

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota di Piergiorgio Caggiula, coordinatore cittadino circolo Italia dei Valori – Casarano: “Quello che succede a Casarano, da anni non da ieri l’altro, è la conferma che i diritti dei lavoratori sembrerebbero essere oramai un dato confutabile a piacimento. Nuovi signorotti che forti dell’oramai cronica mancanza di lavoro spadroneggiano tranquillamente alla luce del sole, forti anche di compiacenti dirigenti comunali che forse affaccendati in altro non trovano il tempo ed il modo di controllare e verificare in maniera appropriata. Ci riferiamo ai lavoratori a tempo determinato che operano per conto della Geotec ambiente srl, assunti a vario titolo nella miriade di società satellite tra cui guarda caso anche l’ANCI AMBIENTE srl, rinominata COGEA srl, prossima aggiudicataria del servizio raccolta rifiuti. Lavoratori costretti a sopportare turni di lavoro massacranti, finanche 13 ore al giorno, per poi vedersi riconosciuti in busta paga tutt’altro. La legittimazione della schiavitù al riparo delle istituzioni e della legge. L’utile aziendale raggiunto grazie al sudore, al lavoro, ai sacrifici di padri di famiglia costretti a subire la delegittimazione di diritti inalienabili. Se a questo aggiungiamo il cronico ritardo per l’erogazione delle mensilità, dai 3 a 5 mesi, il quadro oltre che completo appare veramente desolante. Risulta quindi facile comprendere come sia possibile aggiudicarsi il servizio di raccolta rifiuti con percentuali di ribasso così elevate. Tanto da, progetto e dati alla mano, da non riuscire a coprire neanche i costi del personale. Può una commissione avallare questo scempio? Può una amministrazione cittadina tollerare ed avallare, in un settore delicato come quello dei rifiuti, scelte contrarie all’etica, alla morale e forse anche ai principi essenziali di uno stato democratico che si riconosce nel rispetto delle leggi? Noi di Italia dei Valori siamo fermamente convinti che il metodo di selezione della ditta aggiudicataria sia da rivedere. Vigileremo costantemente per verificare che a, dal servizio alla tutela dei diritti dei lavoratori, prescinda dal rispetto delle regole. Solo così potremo impedire l’inquinamento subdolo del tessuto sociale, delle nostre speranze e del nostro futuro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!