Crostata salata di ricotta e prosciutto

Dopo una veloce carrellata nei dolci tipici salentini, ecco una ricetta salata. Da leccarsi i baffi, come sempre

// Ingredienti 1 rotolo di pasta sfoglia rotondo 300 gr di ricotta fresca 100 gr di parmigiano grattugiato 2 uova 200 gr di prosciutto cotto tritato il sale necessario pepe nero al mulinello un pizzico di noce moscata (facoltativo) // Preparazione In una terrina si mescolino insieme la ricotta premuta attraverso lo schiacciapatate, poi si unisca il prosciutto tritato e le uova sbattute, si mescolino un po’ gli ingredienti e si unisca il parmigiano grattugiato, quindi si regoli tutto di sale e si spolveri con pepe fresco oltre che con un pizzico di noce moscata. Si amalgami bene il tutto. Si imburri una teglia rotonda di diametro 25 cm. Si spolveri con la farina setacciata e si scuota la teglia per eliminare l’eccesso di farina, si foderi con la pasta sfoglia e si tagli la pasta in eccesso, avendo cura di conservare i ritagli per farne le striscette di copertura. Si versi sulla sfoglia il composto di ricotta e se ne livelli la superficie con il dorso di un cucchiaio. Si ricavino delle strisce con gli avanzi della sfoglia, si stendano col mattarello e si dispongano a griglia sulla crostata (come si fa con le crostate dolci). Si spennellino con un po’ di latte misto a tuorlo d’uovo e si inforni la crostata in forno già caldo a 200°C per 30 minuti circa. Note: per realizzare un disco di pasta sfoglia preciso, si poggi la teglia capovolta sulla sfoglia e con l'aiuto di un coltello si ritagli la circonferenza formando un disco della grandezza della teglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!