Paolo Perrone ricorda Michele Frascaro

Lecce. La Mediateca delle Officine Cantelmo è stata intitolata al giornalista prematuramente scomparso

Abbiamo deciso di intitolare a Michele Frascaro la Mediateca delle Officine Cantelmo perché è giusto che i ragazzi, guardando la targa che riporta il suo nome e chiedendosi chi fosse, possano trovare nella risposta un modello di impegno civile, politico e di passione. Ho conosciuto Michele qualche hanno fa, quando mi chiese di fare un'intervista. All'epoca ero un giovane amministratore e qualcuno, volendomi aprire gli occhi, mi disse di stare attento, perché – così mi riferirono – “non era uno dei nostri”. Ci misi pochissimo ad abbattere in me quegli avvertimenti e quei pregiudizi. Michele non era un giornalista qualunque. Era un cronista che faceva della verità la colonna portante della sua vita, e che quindi non guardava ai colori politici, ma all'essenza dei fatti e ai bisogni della gente. Mi colpì da subito per la sua vivacità di ingegno. Dirigeva un giornale che aveva un nome che ben lo rappresentava: L'Impaziente. Più che azzeccato per lui, che pazienza proprio non ne aveva, quando si trattava di non concedere un attimo a nessuno, pur di avere le risposte che cercava. Michele non era uno di noi, è vero. Peccato, mi dicevo tra me e me. Fui felice quando cominciammo a lavorare a braccetto con quell'interessantissimo progetto sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Michele, in tutto quello che ha fatto, ci ha messo il cuore. Ecco perché questa mattina ci siamo ritrovati per ricordarlo, fra gli applausi di colleghi e amici, del papà, della moglie Angela e della piccola Gloria che, il suo papà, imparerà a conoscerlo, attraverso ciò che ha regalato alla gente che ha avuto l'immensa fortuna di incontrarlo. Michele, ti abbraccio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!