Distruggono le dune per ricavare un accesso al mare

Porto Cesareo. La Guardia costiera ha sequestrato l’area ma i responsabili sono ancora ignoti

PORTO CESAREO – Deturpamento del cordone dunale, danneggiamento, distruzione di bellezze naturali in terreni agricoli di salvaguardia paesaggistica soggetti a vincolo idrogeologico, paesaggistico e di valore “distinguibile” e “rilevante”. Questi i reati contestati dai militari della Guardia Costiera dell’Ufficio locale marittimo di Porto Cesareo che nei giorni scorsi hanno svolto una complessa attività di polizia giudiziaria in sinergia con i carabinieri ed i vigili urbani del Comune di Porto Cesareo lungo il litorale marittimo.

dune Porto Cesareo 1

In particolare, a seguito di numerosi controlli in località Belvedere del Comune di Porto Cesareo è stato accertato lo sbancamento del cordone dunale con distruzione della flora esistente e la successiva realizzazione di un varco di accesso direttamente al mare.

dune Porto Cesareo 2
dune Porto Cesareo 3

Le indagini hanno appurato che i responsabili hanno utilizzato un attrezzo meccanico gommato e che successivamente ne hanno ricoperto le tracce sulle dune con sabbia e rastrelli.

dune Porto Cesareo 4
dune Porto Cesareo 5

Le verifiche effettuate hanno comportato, per ora, il sequestro dell’area e la segnalazione del reato contro ignoti all’Autorità giudiziaria. Le indagini continuano per risalire alle identità degli autori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!