Enti locali, dormono mentre la nave affonda

Le banche chiudono i rubinetti. Le imprese non hanno più commesse né pubbliche né private. I professionisti sono fermi.

Le banche chiudono i rubinetti. Le imprese non hanno più commesse né pubbliche né private. I professionisti sono fermi. Eppure i comuni hanno i soldi in cassa ma non possono spenderli perché devono rispettare il patto di stabilità; la Unione europea mette a disposizione i soldi, che non vengono spesi perché gli enti locali sono lenti e incapaci a progettare; le Aree Vaste sono una promessa mancata perché ci sono i soldi ma non la capacità di progettazione né di spesa da parte degli Enti. I fondi cipe sono una chimera, che svanisce come sabbia tra le mani non appena vengono nominati. L’analisi del presidente dell’Ordine degli Ingegneri Daniele De Fabrizio fornisce un quadro inedito e impietoso della crisi. Che c’è, ma che potrebbe mordere meno i fianchi di imprese e professionisti se gli Enti locali si dessero una mossa. Se non continuassero a dormire mentre la nave affonda.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!