Amministrative di maggio. E’ il toto-candidati

Ortelle. Oltre all’uscente Rausa, non si esclude la possibilità di un'alleanza trasversale tra partiti e società civile

ORTELLE – E' tutto un gran discutere ad Ortelle e Vignacastrisi dopo la caduta dell'Amministrazione del sindaco Francesco Rausa. I cittadini dei due centri, a maggio prossimo, ritorneranno alle urne dopo un breve periodo di commissariamento dell'ente municipale, e già fioccano i primi nomi dei papabili candidati. Oltre allo stesso Rausa, esponente del Pdl, che potrebbe ripresentarsi con una propria lista, c'è chi non esclude la possibilità di un'alleanza trasversale che possa coinvolgere partiti e società civile. In attesa di conoscere le scelte elettorali del gruppo di dissidenti dell'ormai ex maggioranza riuniti intorno ai “Responsabili” costituito da Rosina Lanzilao, Giancarlo Antonazzo, Lucia Pede e Giorgio Maggio, nell'area di centrosinistra si ipotizzano un paio di candidature, quella di Luigi Circhetta già assessore e oggi commissario straordinario dell'Istituto “De Viti” di Ortelle e del segretario cittadino del Pd Deodato Giovanni Guida. In tutto questo pure l’Udc cittadino pare voglia giocare un ruolo di protagonista nella contesa elettorale. Intanto il dimissionario consigliere del gruppo “Responsabili” Giancarlo Antonazzo, nonché assessore all'Unione dei Comuni della Costa Orientale, replica alle dichiarazioni di ieri di Luigi Urso (assessore nella giunta Rausa) che aveva dichiarato di non conoscere le motivazioni delle dimissioni degli otto consiglieri: “Rimango stupefatto da quanto dichiarato da Urso, in quanto le problematiche interne al gruppo di maggioranza sono state ampiamente discusse prima di compiere il gesto estremo delle dimissioni; mi chiedo cosa stava a fare se non conosceva nemmeno i disagi interni alla sua maggioranza? Oggi lui ed il sindaco si assumano tutte le responsabilità che hanno portato alle dimissioni dal Consiglio Comunale di quattro componenti della maggioranza, determinando così la fine di questa amministrazione. L’assenza di collegialità, il disinteresse verso i problemi del nostro Comune e verso gli impegni presi con i cittadini attraverso l’attuazione del programma elettorale, – spiega Antonazzo – ci hanno costretto a porre fine a questa amministrazione evitando un altro periodo nero per la nostra comunità, che avrebbe pagato ancora una volta per l’immaturità di quelle persone che strada facendo perdono di vista l’obiettivo comune”. 8 febbraio 2012 Si dimettono in otto. Cade l’Amministrazione Rausa ORTELLE – Termina dopo due anni e mezzo l’amministrazione guidata dal sindaco Francesco Rausa. E quasi certamente a maggio si ritornerà alle urne per una nuova consultazione, manca solo l’ufficializzazione. Ieri pomeriggio, presso il municipio di Ortelle otto consiglieri comunali (quattro del gruppo “Responsabili” e quattro di opposizione), davanti al segretario hanno formalizzato e contestualmente depositato al protocollo le proprie dimissioni. A firmare sono stati Rosina Lanzilao (vicesindaco), Giancarlo Antonazzo, Lucia Pede (assessore), Giorgio Maggio (ex capogruppo di maggioranza) insieme ai consiglieri di minoranza Danilo Guida (capogruppo), Simone Scotellaro, Francesca Rizzo e Salvatore Ciriolo. Questi ultimi quattro esponenti si sono aggregati ai Responsabili che giorni fa avevano formato un proprio gruppo consiliare autonomo dalla maggioranza, motivando così: “Abbiamo condiviso parzialmente il documento politico dei Responsabili – spiega il capogruppo Danilo Guida, responsabile territoriale della “Puglia per Vendola” -, anche perché da due anni e mezzo noi rileviamo scelte amministrative sbagliate e mancanza di ascolto della cittadinanza. Ora le prossime liste elettorali devono essere solo politiche e non accozzaglie dell’ultima ora”. Dal Pd cittadino, il segretario Deodato Giovanni Guida (componente della direzione provinciale) dice: “Lo scioglimento anticipato non è mai un bene per la comunità, prendiamo atto di queste dimissioni e siamo pronti come partito a scendere in campo ed affrontare bene la campagna elettorale”. A parlare, invece, dalla componente della maggioranza che appoggia il sindaco Rausa è l’assessore Luigi Urso: “A tutt’oggi non conosciamo i motivi che hanno portato alle dimissioni di questi consiglieri e aspettiamo per sapere il perchè di questo atto. L’unico dato certo è che è venuto fuori un inciucio tra parte della maggioranza (i Responsabili) e la minoranza. Sono riusciti ad interrompere un’attività amministrativa che in due anni e mezzo è riuscita a realizzare opere e risolvere tantissime problematiche, e non ci risulta che in passato sia stato fatto un lavoro così importante. L’ultimo intervento in ordine di tempo, per esempio, riguarda il reperimento dei finanziamenti per la Rigenerazione urbana sia della Fiera di San Vito ad Ortelle sia della piazza Umberto I a Vignacastrisi”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati