Attività non in regola. Controlli della Gdf in tutto il Salento

Lecce. A Casarano, un’autofficina completamente abusiva; nel Capo di Leuca, sala da ballo senza certificati di sicurezza

LECCE – Otto casi di abusivismo commerciale, 29 lavoratori in nero e 13 irregolari individuati, oltre 22mila prodotti pericolosi o nocivi sequestrati. E’ il bilancio dell’intensa attività sviluppata nel corso degli ultimi cinque giorni, su tutto il territorio salentino, dai Reparti del Comando Provinciale Lecce della Guardia di Finanza. In particolare, a Casarano è stata scoperta un’autofficina completamente abusiva mentre nella zona del Capo di Leuca è stata sequestrata un’intera sala da ballo, della superficie di oltre 400 metri quadrati, sprovvista di certificato di prevenzione incendi, dove erano stati eseguiti interventi in assenza di permesso di costruire e presso la quale sono stati individuati due lavoratori in nero. Ancora, nel corso della complessiva attività operativa è stata rilevata la presenza di altri 27 lavoratori completamente in nero e di 13 lavoratori irregolari. Uno dei lavoratori in nero verrà segnalato all’Autorità Giudiziaria per truffa, poiché beneficia della cassa integrazione guadagni. Nel settore della tutela dei consumatori e della sicurezza prodotti, sono stati sequestrati oltre 22mila articoli nei confronti di 17 soggetti, 13 dei quali cittadini extracomunitari. Significativo il dato relativo alle mancate emissioni di scontrini e ricevute fiscali: 64 violazioni rilevate nel corso di 128 ispezioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!