Sette anni di violenze alla moglie. A giudizio

Lecce. Il processo nei confronti del professionista 50enne si aprirà il 17 aprile

LECCE – Per sette anni avrebbe subito ogni tipo di maltrattamento da quello che avrebbe dovuto essere il compagno della sua vita. Dal 2002, anno del matrimonio, al 2009, quando ha trovato il coraggio di denunciare tutto alle forze dell’ordine, facendo partire l’inchiesta coordinata dalla pm Stefania Mininni. E’ la triste storia che ha per protagonista una donna di Lecce ed il marito, un professionista 50enne anche lui leccese. L’uomo è stato rinviato a giudizio al termine dell’udienza preliminare che ha avuto luogo oggi davanti al gup Carlo Cazzella. Il processo si aprirà il 17 aprile dinanzi al giudice monocratico di Maglie. La vittima si è costituita parte civile; è difesa dall’avvocato Luigi Corvaglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!