Scorrerie piratesche nel 2012: un’assurdità

Rocco Boccadamo si chiede come sia possibile che non riesca a contrastare l’azione dei pirati

di Rocco Boccadamo Sembra davvero inconcepibile e intollerabile che, nel terzo millennio, in piena globalizzazione, nell’era dell’informatica avanzatissima e, finanche, di contatti con pianeti extra terrestri, sparute ciurme di masnadieri – non importa se siano 4 di numero oppure 4444 – arrivino, in taluni tratti di mare, specialmente alle latitudini tropico–equatoriali, a tenere ripetutamente in scacco moderne e gigantesche navi, che si trovano a percorrere quelle rotte, trasportando passeggeri o mercanzie. I moderni pirati salpano dalla costa, o da battelli d’appoggio, con barchini veloci e, armati fino ai denti, tentano, talvolta con successo, addirittura operazioni di arrembaggio, realizzando così numerosi sequestri di unità, equipaggi e carichi. Poi, ovviamente, passano alla “cassa”, chiedendo enormi e commisurati riscatti. E’ mai possibile che, stipulando appositi accordi internazionali, non si riesca a preordinare e ad attuare tempestivi interventi di aerei o elicotteri che, in quattro e quattr’otto, con maniere buone o energiche, impediscano le vergognose e pericolose scorribande? O bisogna pensare che, a monte e alle spalle degli attacchi corsari, si pongano ben più grossi e potenti interessi di natura politica e/o economica e/o finanziaria, ragione per cui nessuno si affretta a muoversi seriamente al fine di impedirli o reprimerli?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati