Ricettazione. Due denunce

Matino. In casa i carabinieri hanno trovato tutto il necessario per lo scasso ed un’auto rubata con targa riconducibile ad una seconda vettura

MATINO – Due uomini, di 34 e 46 anni, sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri della Stazione di Matino e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casarano, per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione, riciclaggio e porto di arnesi atti ad offendere nonché allo scasso. Si tratta di due pluripregiudicati, D.L.S e C.S.C, entrambi del posto. I militari, insospettiti dal loro comportamento nelle settimane passate, hanno deciso di fermare il 34enne per un controllo. A seguito di una perquisizione personale, l’uomo è stato trovato in possesso di 12,5 grammi di hashish. La tempestiva perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire ben altro: un bilancino di precisione; una pistola semiautomatica cal. 8 a salve, priva di tappo rosso, completa di serbatoio e undici cartucce a salve; una pistola a tamburo cal. 9 a salve, priva di tappo rosso, completa di otto cartucce a salve; tre passamontagna; quattro paia di guanti; un mattarello in legno; un piede di porco; un cacciavite.

Alfa rubata

Nella stessa operazione è stato accertato che l’uomo era in possesso di un’autovettura Alfa 147, utilizzata di fatto dal 46enne, risultata rubata alcune settimane in un paese vicino; le targhe montate sull’Alfa appartenevano ad una seconda vettura la cui posizione è ancora al vaglio dei militari. L’auto e tutto il materiale per lo scasso sono stati sequestrati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!