Inaugurazione anno giudiziario: i giovani avvocati lo disertano

Lecce. L’Aiga, associazione italiana giovani avvocati dice no alle liberalizzazioni del governo Monti

LECCE – Monti aveva inaugurato la sua presidenza con una ‘promessa’: “Più donne e più giovani per risollevare l’Italia”. Ma all’inaugurazione dell’anno giudiziario prevista a Lecce per il 28 gennaio prossimo, i giovani avvocati non ci saranno. L’associazione italiana giovani avvocati – sezione di Lecce infatti in una nota firmata dal presidente Paolo Gaballo e dalla consigliera Luisa Carpentieri, dichiara che: “Di fronte ai ripetuti attacchi non solo all’autonomia dell’avvocatura (ad esempio mediante l’introduzione delle società di capitali), ma allo stesso “sistema Giustizia”, (vedasi il continuo e vertiginoso aumento del contributo unificato e delle spese di giustizia in generale, l’abolizione delle tariffe) la giovane avvocatura dice basta”. Per questo sabato prossimo, sebbene invitati, all’inaugurazione dell’anno giudiziario, l’Aiga non ci sarà se non per consegnare un documento in cui esprime le ragioni della protesta al presidente della Corte d’appello di Lecce. E continua: “Tutte le misure varate in questi anni e da ultimo dal Governo Monti sono tutti attacchi gravissimi portati ad una categoria che in alcun modo può essere ritenuta responsabile della crisi economica o della perenne lentezza del sistema giudiziario”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!