Furti di rame, treni rallentati. Danni per 8.000 euro

Lecce. Ritardi fino a 90 minuti. Treni Lecce-Bari e Brindisi-Lecce sostituiti dai bus

LECCE – Il furto di 500 metri di rame, avvenuto all’alba di oggi nella tratta tra Tuturano e Squinzano, ha rallentato la percorrenza dei treni sulla Lecce-Bari. L’inconveniente ha comportato ritardi fino a 90 minuti per dieci treni regionali e di 50 minuti per cinque treni a lunga percorrenza, mentre due treni regionali sono stati sostituiti con bus: uno da Lecce a Bari, l’altro da Brindisi a Lecce. I cavi di rame alimentano i sistemi di sicurezza delle ferrovie ed è proprio notando un’anomalia nel funzionamento dei sistemi di sicurezza, segnalata dalla Sala operativa, che le squadre di pronto intervento hanno scoperto il furto. Tra le materie prime rubate, il materiale per sostituirle e il costo della manodopera Ferrovie dello Stato ha quantificato il danno in 8.000 euro. Per non considerare i costi derivanti dal dover riprogrammare le corse e gestire in modo diverso la circolazione, per esempio servendosi dei bus.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!