L’amaro in bocca della vittoria sulla Scu

Lecce. Quegli arresti mancati, una vittoria a metà

Perché le vittorie sulla legalità a Lecce sono sempre vittorie a metà? L’eccezionale risultato di ieri, i 44 arresti, salutati dal procuratore Cataldo Motta come “uno scacco alla Scu”, dovevano essere 49, tante quante le ordinanze di custodia cautelare. Tra quelli che mancano all’appello, ci sono i capi dell’organizzazione mafiosa. Motta ha parlato di “fughe di notizie”, a causa delle quali i capi sono riusciti a fuggire. Le fughe di notizie, ha detto Motta, sono “prevedibili” per un’operazione così vasta. Allora, se fughe di notizie ci sono state, la Procura deve anche identificare chi sono le mele marce. Perché sia una vittoria piena, di tutti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!