Debito pubblico: dove si andrà a parare?

Per mettere insieme un'efficiente macchina fiscale basta volerlo davvero

di Rocco Boccadamo Com’è noto, secondo le ultime statistiche ufficiali, il debito pubblico italiano è attestato sulla cifra di 1905 miliardi, corrispondenti a circa 3.689.000 miliardi delle vecchie lire. Si pensi, il sottoscritto serba ancora vivo il ricordo del momento in cui, intorno al 1980, la medesima risultanza arrivò a toccare la soglia di 1.000.000 di miliardi della cessata valuta, suscitando molti clamori e fiumi di commenti. L’attuale esposizione corrisponde a oltre il 120% del prodotto interno lordo e, ragguagliandola alla popolazione del nostro paese, sarebbe come dire che sul capo di ogni cittadino gravi pressappoco un fardello di 31.750 euro. Da notare che, su questo autentico «baratro», corrono ovviamente gli interessi e, di conseguenza, già con l’effetto capitalizzazione, viene quotidianamente a determinarsi una sensibile lievitazione. Eppure, alla presenza di siffatto dato che caratterizza i conti dello Stato, si parla, si discute, è vero, ma, in fondo, non sembra che montino concrete maree di preoccupazione, né, tantomeno, che ci si stracci le vesti. Si crede forse che qualche grazia divina metterà le cose a posto? Purtroppo, la vera pesante palla al piede dell’Italia è rappresentata proprio dal debito pubblico. Il guaio è che non si discerne minimamente attraverso quali strumenti porvi rimedio, neanche proiettando e diluendo la soluzione del problema nell’arco dei decenni a venire. Per la verità, un percorso esisterebbe: visto che si va da sempre affermando che lungo lo Stivale si ergono autentiche montagne d’evasione e/o elusione fiscale (redditi non dichiarati per svariate centinaia di miliardi e, in correlazione, minori imposte riscosse dallo Stato per almeno 100/150 miliardi annui), perché, una volta per tutte, non si focalizza seriamente e implacabilmente l’attenzione su questa faccenda? In proposito, una piccola idea: dal momento che intratteniamo cordiali e amichevoli rapporti con gli U.S.A. ed essendo risaputo che in tale Paese le tasse sono pagate da tutti e su qualsiasi reddito, perché non ricorriamo alla collaborazione delle Autorità americane, facendoci addirittura aiutare a organizzare e a mettere a regime un’efficiente macchina fiscale? Credo che basti volerlo, però volerlo seriamente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!