‘Manteniamo il Sambiasi’. Il vescovo guida la marcia su Bari

Nardò. Cittadini ed amministratori a Bari per chiedere di mantenere in vita l’ospedale di Nardò. Una delegazione consegnerà a Vendola uno studio per l’ampliamento

NARDO’ – Alle ore 8.30 di oggi un corteo di pullman si è mosso dal piazzale davanti all’ospedale di Nardò alla volta di Bari e precisamente della sede della Regione Puglia. Lì porterà le ragioni di una città, ma anche di tutte quelle del circondario, che si oppone alla chiusura del nosocomio ed alla sua trasformazione in “Casa della salute”. Le motivazioni della richiesta sono contenute ina una lettera il cui primo firmatario è il vescovo della diocesi neretina, Domenico Caliandro, molto attivo su questo fronte, ma che reca le sigle anche del sindaco Marcello Risi, del Consiglio comunale, dei primi cittadini dei Comuni vicini, di parlamentari e consiglieri regionali, di amministratori di ieri e di oggi. Tutti insieme, destra e sinistra, per chiedere alla Regione di rivedere la sua decisione. La manifestazione si terrà davanti alla sede regionale di lungomare Nazario Sauro, mentre una delegazione, guidata proprio dal vescovo, cercherà di incontrare il presidente Nichi Vendola, al quale consegnare l'appello promosso dal comitato di salute civica “Spes civium” corredato da uno studio di fattibilità per l'ampliamento dell'ospedale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!