Cinque stanze abusive nell’agriturismo. Denunciata 55enne

Supersano. La Guardia di finanza ha appurato che erano state realizzate in uno spazio che risultava adibito a deposito

SUPERSANO – Era il luogo ideale per i turisti in cerca di riposo e di contatto con la natura. Peccato che fosse in parte abusivo. Un agriturismo di Supersano è finito nel mirino della Guardia di finanza di Casarano che, ad un normale controllo del territorio, ha verificato la presenza di cinque camere da letto con relativi servizi igienici, sontuosamente arredate ma prive di permesso.

Agriturismo sequestrato

La struttura nella quale sorge l’agriturismo è un antico casale risalente all’anno 1.000, realizzato in conci di tufo e pietra leccese, ristrutturato mantenendo le caratteristiche originarie. Ma le cinque stanze per gli ospiti erano state realizzate, senza i permessi necessari in presenza di vincoli idrogeologici, superficiali e geomorfologici, in quello che ufficialmente risultava un deposito di attrezzature agricole. Sono stati gli approfondimenti eseguiti dai finanzieri presso l’Ufficio Tecnico del Comune ad appurare che il cambio di destinazione del deposito non era mai stato autorizzato. Il fabbricato è stato sequestrato e la proprietaria, una 55enne del posto, denunciata per violazione delle norme in materia edilizia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!