Carmiano e Novoli. No a due impianti da 6,3 Mw

Carmiano e Novoli. La Regione ha proceduto all’anamento delle autorizzazioni per mancate comunicazioni nei termini previsti

CARMIAMO E NOVOLI – Non si realizzeranno i due impianti per la produzione di energia elettrica da fotovoltaico, previsti a Carmiano e Novoli, per la potenza complessiva di 6,3 Mw. Sono state pubblicate sul Burp del 19 dicembre scorso le determinazioni del dirigente del Settore Energia della Regione Puglia in cui si rende noto che i due progetti non partiranno. Richiedente per entrambi gli impianti è la società la società Gasi 14 Srl di Roma che ha presentato la richiesta per l’autorizzazione unica alla costruzione in data 20 ottobre 2009. In particolare l’impianto previsto a Carmiano avrebbe avuto la potenza di 3 Mw; quello di Novoli la potenza di 3,3 Mw. La conferenza dei servizi, che si è aperta il 22 aprile 2010 aveva approvato i progetti. Ma è stata la società a tirarsi indietro. Lo scorso 29 luglio infatti la Gasi 14 ha chiesto la sospensione dei termini di inizio e fine lavori, non avendo ottenuto l’iscrizione in posizione utile nel registro Grandi impianti. Inoltre la società non ha fatto pervenire osservazioni e risposte nel termine stabilito dei 180 giorni alle comunicazioni inviate dall’Ufficio regionale e relative al riesame della documentazione inviata. La Regione ha dunque proceduto all’anamento delle autorizzazioni concesse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!