Cave ipogee. Si allarga l'area 'vincolata'

Cutrofiano. L’Autorità di bacino della Puglia ha esteso i confini delle aree considerate a rischio geomorfologico. Interventi edilizi solo a precise condizioni

CUTROFIANO – Si allarga, a Cutrofiano, il perimetro dei territori considerati a pericolosità geomorfologica elevata e molto elevata. Diventano, pertanto, più severi i vincoli imposti agli interventi edilizi sulle aree che rientrano nella nuova perimetrazione. (nella cartina: in rosso le zone a pericolosità molto elevata; in rosa, quelle a pericolosità elevata; in giallo i confini del territorio di Cutrofiano) L’Autorità di Bacino della Puglia, lo scorso 11 gennaio ha pubblicato le nuove perimetrazioni del Piano di bacino stralcio per l'assetto idrogeologico (Pai), a seguito della delibera del Comitato Istituzionale del 20 dicembre 2011, che denunciava una seria pericolosità geomorfologica per la presenza delle cave ipogee nelle zone delimitate. I nuovi “confini” sono quelli già trasmessi dall’Autorità di Bacino al Comune di Cutrofiano in data 20 settembre 2010. La presenza di cave ipogee molto instabili, con il conseguente pericolo di crolli come già verificatisi nei dintorni, rende infatti molto pericolosi per il territorio e per le persone i cantieri di grande portata. Nelle aree che vengono classificate come a pericolosità geomorfologica “molto elevata” (P.G.3) ed “elevata” (P.G.2) non sono consentite nuove costruzioni, opere edilizie e di urbanizzazione, senza adeguato studio geologico e geotecnico. Nel complesso la superficie vincolata si estende per 795,23 ettari; di questi, 669,93 ettari vengono classificati come “a pericolosità geomorfologica molto elevata”; 125,30 ettari, come “a pericolosità elevata”. Stando ai nuovi perimetri, a Sud del centro abitato, un intero quartiere urbano diventa non edificabile senza le necessarie autorizzazioni ed i necessari limiti al tipo di intervento da effettuare; si tratta della zona che da via Collepasso passa per viale Costituzione fino ad arrivare oltre via Supersano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!